ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Tutto quello che dicono i giornali dal... 16 giugno 2011
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 52, 53, 54  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33263

MessaggioInviato: Mar Mag 22, 2012 19:03    Oggetto: Firmiamo 5 X MILLE a favore ADRICESTA Mod. 730 - UNICO - CUD Rispondi citando



    compilando il Modello: Dichiarazione dei Redditi Anno 2O12

    Mod. 730 o Mod. UNICO, Mod. CUD relativo a Redditi 2O11


    con la scheda riservata alla Destinazione del 5 X MILLE puoi

    donare all'ADRICESTA la quota dell'Irpef che già hai versato

    allo Stato: nessun esborso in più e se vuoi abbina l'8 x mille







    per te • stampa la locandina e consegnala al commercialista

    per aiuto solidale: diffondila tra parenti, conoscenti, colleghi

    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Mar Mag 22, 2012 19:59    Oggetto: ROMA - 22/5/2012 - ADRICESTA al DERBY DEI CAMPIONI DEL CUORE Rispondi citando



        Un'ottima vetrina per il mondo dell'Associazioni ONLUS ed i loro Progetti!

        Dal 2001 BPM | Gruppo BIPIEMME nel sito > www.faresolidale.it <

        gratuitamente ci dedica uno spazio informativo e segnala eventi in News!








        'uno spazio ideato e promosso per favorire l’incontro e la conoscenza tra
        i protagonisti della solidarietà: le Associazioni, i sostenitori e i volontari,
        il mondo delle imprese. Un modo, un mezzo, ed insieme un’opportunità
        per dare energia all’ottimismo della volontà e alla forza delle idee.'








          la pagina per ADRICESTA Onlus ed i propri Progetti per l'Infanzia.
          Sono attivati strumenti precisi, semplici, facilmente usufruibili per
          permettere di effettuare donazioni benefiche in assoluta sicurezza

          cliccando sulle immagini si può accedere alle pagine web originali!



    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Mar Mag 22, 2012 20:24    Oggetto: Teatro Stabile d'Abruzzo e Teatro Scuola Paolo Grassi Milano Rispondi citando


    QuestoTeatro - Periodico di informazione del ha scritto:



      .TSA : parte a L'AQUILA IL LABORATORIO

      .'ARTE E PRATICHE DELL'OSSERVAZIONE'


    Si rinnova l'impegno del Teatro Stabile d'Abruzzo per le giovani generazioni, si svolgerà, infatti, a L'Aquila dal 21 al 25 maggio e poi a Milano dal 28 maggio al 1 giugno, "Il laboratorio Arte e pratiche dell'osservazione" un percorso che il Teatro Stabile d'Abruzzo, con la direzione di Alessandro Preziosi, vuole dedicare alla formazione di professioni legate al mondo del Teatro ed alla crescita di un nuovo pubblico consapevole.
    La premessa del progetto è che all'interno dell'offerta formativa professionale della Fondazione Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, la nota accademia d'arte drammatica fondata da Grassi e Strehler, oggi diretta da Massimo Navone, è presente a partire dai primi anni ‘80 il corso "Autore Teatrale" (inizialmente denominato "Scrittura Drammaturgica"). Il corso è stato una storica palestra e una fucina di scritture per la scena e ha diplomato alcuni tra i più apprezzati drammaturghi italiani contemporanei e di ultima generazione, ha saputo cogliere e favorire stimoli e occasioni di evoluzione e innovazione del linguaggio per la scena e ha formato nei tanti anni dalla sua apertura solide personalità professionali di autori attivi anche in settori contigui al teatro.
    Dalla collaborazione tra la Scuola Paolo Grassi ed il Teatro Stabile d'Abruzzo nasce appunto questo laboratorio, con moduli d'insegnamento a cura di Renata Molinari e con il coordinamento didattico di Giorgina Cantalini.
    "I Maestri del ‘900 - spiega la docente Renata Molinari - insegnano che ogni idea di teatro identifica un presente. Qual è il presente che ci sta attorno? L'obiettivo non è fare un saggio su L'Aquila, ma realizzare delle azioni artistiche a partire da questa città. Indagare i luoghi che abitiamo e che percorriamo, come portatori di specifiche relazioni tra le persone. Attivare un altro sguardo, uno sguardo teatrale, per cercare gli equilibri tra realtà e rappresentazione".
    Il laboratorio è un particolarissimo sistema di creazione, collezione e composizione di materiali utili (pensieri, osservazioni, intuizioni, collegamenti fra oggetti e parole, cronaca e poesia, storia e narrazione e soprattutto tra percezione e memoria) per successive stesure drammaturgiche, ma soprattutto è un training individuale dell'allievo per predisporre all'ascolto e all'osservazione della realtà e coglierne le trame invisibili spazio-tempo che l'attraversano.
    E' quindi non ancora un lavoro di drammaturgia, benché ne costituisca uno dei moduli didattici principali all'interno del corso, ma un ‘allenamento dell'anima' e un'educazione allo sguardo per attori, registi e performer e più in generale per operatori e professionisti che vogliano o abbiano bisogno di occuparsi a vario titolo di processi creativi: è dunque una preparazione fondamentale e altamente formativa all'atto della creazione. Parte integrante del laboratorio è la sua applicazione sulla città, intesa come luogo privilegiato di esplorazione e scoperte della relazione e dell'umano.
    La prospettiva e l'ambizione è quella di produrre pensieri e percorsi che possano prestarsi successivamente ad una vera e propria elaborazione di scritture teatrali, e non solo, per la scena contemporanea.

    17-05-2012






    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Sab Mag 26, 2012 14:50    Oggetto: 24-27/05/2012 TSA al Salone della Ricostruzione di L'AQUILA Rispondi citando


    QuestoTeatro - Periodico di informazione del ha scritto:



        .TSA il TEATRO STABILE d'ABRUZZO

        . al SALONE DELLA RICOSTRUZIONE





            ..........................


    Il Teatro Stabile d'Abruzzo al Salone della Ricostruzione di L'Aquila dal 24 al 27 maggio per testimoniare la necessità di una ricostruzione sociale e culturale del capoluogo.
    Foto, video, costumi raccontano quasi cinquant'anni di storia del TSA, una vetrina di successi nazionali ed internazionali che dimostrano che la Cultura è strumento di Ricostruzione.

    25-05-2012







      www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7594


      aperto il Topic ALESSANDRO E IL TSA D'ABRUZZO con

      le interviste a Preziosi, gli articoli riguardanti L'AQUILA

      la ricostruzione, la cultura e il Teatro Stabile D'Abruzzo

      e a questo topic vi rimando, per recensioni e commenti

    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Sab Mag 26, 2012 15:13    Oggetto: L'AQUILA 21-25/05/12 TSA e Teatro Scuola Paolo Grassi Milano Rispondi citando



    ha scritto:




    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Sab Mag 26, 2012 15:17    Oggetto: MILANO 28/05-01/06/2012 TSA: Laboratorio Arte e osservazione Rispondi citando



    ha scritto:



        ... IL TEMPO - Notizie - Abruzzo - Cultura



        ... Il TSA punta alle nuove generazioni


    Si rinnova l'impegno del Teatro Stabile d'Abruzzo per le giovani generazioni, si sta svolgendo, a L'Aquila dal 21 al 25 maggio e poi a Milano dal 28 maggio al 1 giugno, « Il laboratorio Arte e pratiche dell'osservazione» un percorso che il TSA, con la direzione di Alessandro Preziosi, vuole dedicare alla formazione di professioni legate al mondo del Teatro ed alla crescita di un nuovo pubblico consapevole.


    Il corso è stato una storica palestra e una fucina di scritture per la scena e favorire stimoli e occasioni di evoluzione e innovazione del linguaggio per la scena, formando nei tanti anni dalla sua apertura solide personalità professionali di autori attivi anche in settori contigui al teatro. Dalla collaborazione tra la Scuola Paolo Grassi ed il Teatro Stabile d'Abruzzo nasce appunto questo laboratorio, con moduli d'insegnamento a cura di Renata Molinari, il coordinamento didattico di Giorgina Cantalini e la partecipazione di ben otto selezionati allievi: Gabriele Dino Albanese, Riccardo Calabrò, Annalisa Ciuffetelli, Yoselin Antonietta Giovani, Rocco Manfredi, Ilaria Micari, Alessandra Pavoni, Alessandra Ventrella.

    24/05/2012






    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Sab Mag 26, 2012 15:52    Oggetto: MILANO 28/05-01/06/2012 TSA: Laboratorio Arte e osservazione Rispondi citando



    ha scritto:




    L'Aquila: TSA 'LABORATORIO ARTE E PRATICHE
    DELL'OSSERVAZIONE'
    , per FORMARE al TEATRO




    L'Aquila - Si rinnova l'impegno del Teatro Stabile d'Abruzzo per le giovani generazioni.

    Si svolge all'Aquila, dal 21 al 25 maggio e poi a Milano dal 28 maggio al 1 giugno, " Il laboratorio Arte e pratiche dell'osservazione ", un percorso che il Teatro Stabile d'Abruzzo, con la direzione di Alessandro Preziosi, vuole dedicare alla formazione di professioni legate al mondo del teatro e alla crescita di un nuovo pubblico consapevole.

    La premessa del progetto è che all'interno dell'offerta formativa professionale della Fondazione Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, l'accademia d'arte drammatica fondata da Grassi e Strehler, oggi diretta da Massimo Navone, è presente a partire dai primi anni ‘80 il corso "Autore Teatrale" (inizialmente denominato "Scrittura Drammaturgica").

    "I Maestri del ‘900 - spiega la docente Renata Molinari - insegnano che ogni idea di teatro identifica un presente. Qual è il presente che ci sta attorno? L'obiettivo non è fare un saggio sull'Aquila, ma realizzare delle azioni artistiche a partire da questa città. Indagare i luoghi che abitiamo e che percorriamo, come portatori di specifiche relazioni tra le persone. Attivare un altro sguardo, uno sguardo teatrale, per cercare gli equilibri tra realtà e rappresentazione".

    Il laboratorio è un sistema di creazione, collezione e composizione di materiali utili (pensieri, osservazioni, intuizioni, collegamenti fra oggetti e parole, cronaca e poesia, storia e narrazione e soprattutto tra percezione e memoria) per successive stesure drammaturgiche, ma soprattutto è un training individuale dell'allievo per predisporre all'ascolto e all'osservazione della realtà e coglierne le trame invisibili spazio-tempo che l'attraversano.

    23 Maggio 2012



    © RIPRODUZIONE RISERVATA






    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Dom Mag 27, 2012 00:30    Oggetto: 24-27/05/2012 TSA al Salone della Ricostruzione di L'AQUILA Rispondi citando


    ha scritto:



    video: www.aquilatv.it/video/637-salone-chiacchio-tsa-cultura-strumento-di-ricostruzione.html


    L'AQUILA - Il vice presidente del TSA, Innocenzo Chiacchio parla di 'Cultura strumento di Ricostruzione' alla seconda edizione del Salone della Ricostruzione in corso a L'Aquila presso l'Aeroporto dei Parchi di Preturo.

    venerdì, 25 maggio 2012







      www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7594


      aperto il Topic ALESSANDRO E IL TSA D'ABRUZZO con

      le interviste a Preziosi, gli articoli riguardanti L'AQUILA

      la ricostruzione, la cultura e il Teatro Stabile D'Abruzzo

      e a questo topic vi rimando, per recensioni e commenti

    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Dom Mag 27, 2012 00:50    Oggetto: RAI PREMIUM in replica IL CAPITANO Prima Serie - fiction GDF Rispondi citando



        Sabato 26/5 -- ore 13.40
        Domenica 27/5 ore 23.00 - "Il Capitano I, La missione"

    I NOSTRI INCONTRI ...IN TV digitale su RAI Premium (Canale 25)







          Alessandro Preziosi 'IL CAPITANO' ci aspetta

          su RAI PREMIUM lunedì 28/5 in prima serata

          ore 21.10, 2° episodio con "L'insospettabile"


    2004, sulla scena della Fiction italiana irrompe per la prima volta la Guardia di Finanza. E per questo gran debutto, si affida al talento investigativo del "Capitano", che con una squadra di collaboratori si batterà per risolvere 6 casi scottanti: regia di Vittorio Sindoni.


    COMMENTIAMO > www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7582&start=165

    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Mar Mag 29, 2012 09:44    Oggetto: NAPOLI TEATRO FESTIVAL incontro 30/5/12|Igiene Assassino|TSA Rispondi citando






      NAPOLI TEATRO FESTIVAL 2012 -- Tema: la Leggerezza

      Incontro FNAC -- Mercoledì 30 Maggio 2012 - Ore 18.00


    Il direttore artistico del Festival, Luca De Fusco, parlerà di "leggerezza", tema centrale della quinta edizione del Napoli Teatro Festival Italia con:

    Alessandro Preziosi, per "Igiene dell’Assassino" uno spettacolo in coproduzione con il Teatro Stabile D’Abruzzo, di cui è direttore artistico; dal romanzo di Amélie Nothomb
    e Cristina Donadio che porterà in scena "La Casa Morta" per la regia di Pierpaolo Sepe;
    interverrà:
    il Prof. Lucio d'Alessandro, Rettore dell'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.

    L'incontro si concluderà con una performance di danza tratta dallo spettacolo "Welcome on board", progetto a cura di Gennaro Cimmino, Regia e Coreografia di Francesco Nappa, Produzione: Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia.



            nota: pubblichiamo senza aver conferma


    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Mar Mag 29, 2012 09:47    Oggetto: 30-31/5/12 - LINK ACADEMY - Saggio fine anno - da McCafferty Rispondi citando



          LINK ACADEMY www.linkacademy.it

          "' SCENE DA UN GRANDE AFFRESCO '"


          saggio finale per gli studenti dell’ultimo anno





    Per la prima volta in Italia il successo “Scene da un grande affresco” di McCafferty .
    A portarlo a Roma la Link Academy come saggio finale degli studenti dell’ultimo anno del Corso Triennale di Recitazione, che saranno in scena, con la regia di Silvio Peroni, il 30 e 31 maggio 2012 al Teatro Vascello di Roma.

    Con la scelta di una drammaturgia contemporanea, Peroni prosegue nel solco del successo di “Thom Pain (basato sul niente)” interpretato da Elio Germano e di “Lady Grey” con Isabella Ragonese, entrambi del drammaturgo americano Will Eno, imprimendo la sua visione asciutta del teatro, minimale e incisiva.

    Scene da un grande affresco” di Owen McCafferty, si svolge nell’arco di una giornata nella periferia di Belfast. Un ritratto corale dell’umanità nel quale si incontrano, incrociano e scontrano esistenze tra loro diversissime e, solo apparentemente, non collegate. I personaggi incarnano sfaccettature e caratteri di uomini e donne del nostro tempo, e ognuna delle storie raccontate racchiude temi e riflessioni legate alla contemporaneità. I personaggi si alternano sulla scena mescolando le loro vite con quelle degli altri con l’apparente casualità che caratterizza ogni esistenza.

    I 20 allievi si confronteranno, sia durante le prove sia nella messa in scena, con un vero spettacolo come momento finale del triennio di studi.

    Il progetto si inserisce nel percorso di continuità tra aula e palcoscenico perseguito dalla Link Academy, il cui più recente risultato è il successo della tournée nazionale del “Cyrano de Bergerac”, con la regia di Alessandro Preziosi e il coinvolgimento di nove attori diplomati dell’Accademia.



    topic dedicato •> www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7186


    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Mar Mag 29, 2012 21:21    Oggetto: TSA 8/6/12 L'IGIENE DELL'ASSASSINO Napoli Teatro Festival It Rispondi citando


    QuestoTeatro - Periodico di informazione del ha scritto:



    si avvicina il debutto della nuova produzione del
    Teatro Stabile d'Abruzzo ''Igiene dell'assassino''




            .........


    Si avvicina la data del debutto del nuovo allestimento del Teatro Stabile d'Abruzzo, Ente Teatrale Regionale diretto da Alessandro Preziosi, ed a L'Aquila fervono le prove di "Igiene dell'assassino" di Amélie Nothomb, adattamento e regia di Alessandro Maggi, scene e costumi di Marta Crisolini Malatesta, musiche di Antonio Di Pofi, luci di Valerio Tiberi, i cui protagonisti sono Eros Pagni (Premio ETI nel 2006 e Premio Gassman nel 2008) e Federica Di Martino (Premio ETI nel 2006 e già protagonista di successo dello spettacolo "Scene da un matrimonio" sempre del TSA).

    Lo spettacolo, coprodotto con la Fondazione Campania dei Festival .-. Napoli Teatro Festival Italia, debutterà in Prima Assoluta l'8 giugno alle 21.30, nel Teatro Nuovo di Napoli, nell'ambito della Rassegna Internazionale "Napoli Teatro Festival Italia".

    Il romanzo "Igiene dell'assassino", di Amélie Nothomb, esce nel 1992 e diventa immediatamente il caso letterario dell'anno. Un'intervista apparentemente come altre, tra il Premio Nobel per la Letteratura Prétextat Tach, interpretato con straordinario vigore da Eros Pagni, e la giovane giornalista Nina, una perfetta Federica Di Martino, si trasformerà via via in un percorso che ha le caratteristiche avvincenti del giallo.

    "La sfida - spiega il regista Alessandro Maggi - consiste nel realizzare un finissimo gioco dialettico in cui i due attori mettano in scena personaggi che mutano secondo la mossa scacchistica del momento, con un obiettivo di disvelamento della verità da parte di Nina, e quindi di vendetta, da un lato, e con un fine di fagocitazione di un soggetto degno del desiderio del modello-Tach dall'altro.
    Quando diventa possibile allestire uno spettacolo su testi contemporanei è sempre un momento importante, che è sintesi di vivacità, ma anche di apertura intellettuale e lungimiranza di chi mostra interesse alla rappresentazione di parole che nascono oggi. Parole, sì: come spesso dice la Nothomb, lei "partorisce" le sue opere, come se fossero davvero figli di carta, lasciando tracce in ogni suo romanzo di qualcosa di autobiografico. In questo senso, lo spettacolo si svolge come un vero e proprio confronto tra eserciti di parole, una sorta di arena in cui i personaggi si confrontano in un susseguirsi serrato di battute, fino al progressivo svelamento della realtà, attraverso lo scandaglio psicologico dell'intelligenza e, soprattutto, di quell'arte giocosa e lieve che è la scrittura. Leggerezza, sì, perché la Nothomb è capace di esprimere spesso concetti profondi con l'arte di chi sa anche provocare il riso, sono diversi i passaggi che destano ilarità. Al tempo stesso, il dialogo è parente prossimo dell'interrogatorio: "Altro non è che una forma privilegiata di tortura", è la stessa Nothomb ad affermarlo. Questo è uno spunto fondamentale per la messinscena.
    Prétextat Tach vive in uno stato di stallo. Il suo tempo è fermo, il suo ultimo romanzo pubblicato è incompiuto. Anziché optare per una scenografia che fosse lo squallido appartamento di un uomo profondamente polemico che non ha alcuna cura né del suo aspetto, né della sua arte, si è preferito, puntualizzare l'aspetto mentale dando la sensazione di un interno attraverso 2 pareti a 90 gradi volutamente in disequilibrio, sommerse da mobili e oggetti che non hanno alcuna personalità. Pareti che ricordano un libro aperto, il suo Libro. Il pavimento è un foglio/tappeto scritto a macchina, disteso sul palcoscenico".

    29-05-2012








    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Gio Mag 31, 2012 16:27    Oggetto: Fnac 30/05/12 L'IGIENE DELL'ASSASSINO Napoli Teatro Festival Rispondi citando



    ha scritto:





            Al Nuovo

            Per Preziosi un assassino
            che si svela in un'intervista


    Mariagiovanna Capone

    Quando il romanzo Igiene dell’assassino fu pubblicato, divenne immediatamente il caso letterario dell’anno. Era il 1992 e Amélie Nothomb entrò nell'Olimpo della letteratura mondiale dalla porta principale, regalando ai suoi lettori un personaggio burbero ed eccentrico, dalla parlantina fluida e tagliente, punto di origine di quella ferocia che sviscera con la sua penna. Scritto quasi interamente in forma di dialogo, il teatro sembra la destinazione naturale del romanzo. Fa piacere, quindi, che sui palcoscenici italiani si ritrovi il premio Nobel per la letteratura Prétextat Tach, protagonista del libro insieme alla giovane e bella giornalista Nina, impegnati in un’intervista apparentemente come altre che si trasformerà via via in un percorso che ha le caratteristiche avvincenti del giallo. Dall'8 al 10 giugno al Nuovo, a far rivivere il burbero Tach sarà Eros Pagni, affiancato da Federica Di Martino diretti da Alessandro Maggi. Lo spettacolo, inserito nella programmazione del Napoli Teatro Festival Italia, è una produzione Fondazione Campania dei Festival insieme a Teatro Stabile d’Abruzzo diretto da Alessandro Preziosi che ieri ne ha illustrato i contenuti al pubblico di Fnac.
    «Non ho mai visto a teatro Eros Pagni, sapevo quanto fosse straordinario come attore, ma quando ho assistito a una parte delle prove mi sono ritrovato rapito, catturato, sedotto totalmente dalla sua bravura», ammette Preziosi. «La prerogativa di un attore – continua - è di veicolare i contenuti di un testo nel modo più fluido possibile. Per far sì che poi il pubblico possa scegliere se commuoversi o ridere. In questo caso poi siamo di fronte a un testo dal ritmo incalzante, che ti prende fin dalle prime battute per poi lasciarti a bocca aperta nel finale». I contenuti del romanzo, infatti, ruotano intorno a un’intervista in cui la giornalista prova a scavare nel passato di Tach, ispirata dal suo unico racconto lasciato incompiuto e presumibilmente autobiografico, intitolato Igiene dell’assassino, scoprendo pian piano che un omicidio è stato davvero commesso. «Il fatto che l'autrice - e di conseguenza l'attore - affronti un tema così particolare con tale leggerezza, rende questo spettacolo unico nel suo genere». Preziosi, impegnato sempre più sul fronte teatrale sia come interprete che come produttore, spiega i motivi di questa sua scelta: «Viviamo un momento storico di grande crisi e il teatro è ora la dimensione giusta per esprimersi».



    © RIPRODUZIONE RISERVATA




    IL MATTINO - giovedì 31 maggio 2012 - Ed. Nazionale Pag. 47








    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Gio Mag 31, 2012 18:18    Oggetto: Fnac 30/05/12 L'IGIENE DELL'ASSASSINO Napoli Teatro Festival Rispondi citando



    ha scritto:


    L’INCONTRO: L’ATTORE PROTAGONISTA ALLA FNAC CON DE FUSCO E DONADIO


          A “lezione” con Alessandro Preziosi


    di Mimmo Sica

    «Profonda leggerezza, come disse Calvino nelle sue Lezioni Americane, significa un approccio lieve, non retorico, ma non superficiale: questo è lo slogan di Napoli Teatro Festival 2012». Lo ha ribadito il direttore artistico Luca De Fusco nella conferenza stampa che si è tenuta presso il Forum della libreria Fnac in via Luca Giordano, al Vomero. Sono intervenuti Alessandro Preziosi per “Igiene dell’assassino” uno spettacolo in coproduzione con il Teatro Stabile d’Abruzzo (di cui è il direttore artistico) tratto dal romanzo di Amélie Nothomb, Cristina Donadio che porterà in scena “La casa morta” per la regia di Pierpaolo Sepe e il professor Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e consigliere d’amministrazione della Fondazione Campania dei Festival. «Il Napoli Teatro Festival Italia - ha continuato De Fusco - inizia il 7 giugno e dura fino al 24 per poi proseguire, dopo la pausa estiva, a settembre dal 25 al 30. Napoli si trasforma anche quest’anno in naturale palcoscenico perché oltre ai teatri tradizionali della città, insolite location ospiteranno gli spettatori». Donadio ha evidenziato che la leggerezza caratterizza il dramma di Elettra di cui è la protagonista. «Il regista napoletano Pierpaolo Sepe porta sul palcoscenico del Parco Archeologico di Pausilypon i versi di Yiannis Ritsos, uno dei più importanti poeti greci del ventesimo secolo, mescolando passato e presente, letteratura e vita, immaginazione e realtà». Alessandro Preziosi ha sottolineato la leggerezza dell’autrice nel trattare la vicenda del protagonista. «“Igiene dell’assassino” - ha continuato - racconta le ultime settimane di vita del cinico e burbero Tach, interpretato da Eros Pagni. Al suo fianco c’è Federica Di Martino. È un dialogo serrato tra lo scrittore, che da molti anni si è isolato dal resto del mondo, e una giornalista che tenta di trovare la chiave per entrare nel suo passato». Di leggerezza ha parlato anche D’Alessandro. «Leggerezza significa togliere il superfluo per lasciare spazio all’essenziale - ha detto - in questo modo cerchiamo di andare verso l’alto». Gennaro Cimmino ha introdotto gli assistenti di volo che si sono esibiti in una performance tratta dallo spettacolo in cartellone “Welcome on board” sulle note di “I’ve got a women”.





    IL ROMA - Notte & Giorno - Pagina 16 - giovedì 31 maggio 2012








    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    genziana



    Registrato: 22/03/04 13:40
    Messaggi: 33263

    MessaggioInviato: Gio Mag 31, 2012 18:44    Oggetto: MILANO 28/05-01/06/2012 TSA: Laboratorio Arte e osservazione Rispondi citando



    ha scritto:



    1/06: Milano L'Aquila

    Sguardi incrociati sulle città che andiamo a vivere



    La Scuola Paolo Grassi è un luogo in qualche modo straordinario, nel senso proprio di fuori dall'ordinario, per l'intensità di attività didattica e progettuale che vi si svolge all'interno, così densa di appuntamenti che a volte possono sfuggire alcune occasioni formative 'ordinarie', che pure costituiscono eccellenza e maestria al di là della mera formazione professionale artistica.

    Come si sa alla Paolo Grassi è presente a partire dai primi anni ‘80 il corso Autore Teatrale, inizialmente denominato Scrittura Drammaturgica, storica palestra e fucina di scritture per la scena e che ha diplomato alcuni tra i più apprezzati drammaturghi italiani contemporanei e di ultima generazione, ha saputo cogliere e favorire stimoli e opportunità di evoluzione e innovazione del linguaggio per la scena e ha formato nei tanti anni dalla sua apertura solide personalità professionali di autori attivi anche in settori contigui al teatro.

    Ciò che si sa meno è che all'interno del processo triennale di formazione si svolge un particolare modulo didattico denominato Arte e pratiche dell’osservazione, a cura di Renata Molinari, dramaturg e pedagoga teatrale, più familiarmente definito ‘laboratorio sull’osservazione’, che ha avuto per tre anni come riferimento privilegiato la città di Milano e gli autori che l'hanno raccontata. Osservare per scrivere, scrivere per vedere sono parole della docente ad indicare che questo laboratorio è una palestra per attivare la percezione del quotidiano a cogliere la realtà, a raccontarla e se possibile a comprenderla, nella direzione della composizione teatrale.

    Per il corrente anno accademico il secondo corso Autore Teatrale sta svolgendo il suo previsto laboratorio di osservazione in un luogo 'difficile', che è la città dell'Aquila, dove la realtà da osservare è per varie ragioni, comunque intuibili, più forte dell'esercizio da applicarvi, ma che proprio per questo valorizza e riempie di un significato particolare un percorso didattico tingendolo, a tratti e pur nel meticoloso rigore dello studio e dell'esercizio, degli ambiziosi colori della necessità.

    Nel laboratorio gli allievi milanesi sono affiancati da quattro uditori aquilani, quattro giovani studentesse e professioniste del luogo, a vario titolo legate al teatro o alla scrittura. Questo per rispondere ad un principio fondante il tipo di lavoro che viene svolto all'interno del laboratorio e che è quello della reciprocità: reciprocità di sguardi, competenze, vissuti e reciprocità fra le due città. Infatti, dopo il lavoro all'Aquila, l'intero gruppo si trasferirà a Milano per continuare l'osservazione, per mettere a confronto le differenze e cercare possibili punti comuni "delle città che i giovani andranno a vivere".

    Il progetto nasce dal desiderio di Giorgina Cantalini, attrice e pedagogo, aquilana, attualmente di stanza alle Scuole Civiche, e dall'intuizione di Renata Molinari e si è potuto attuare grazie alla collaborazione del TSA (Teatro Stabile d'Abruzzo), dei suoi vertici aquilani e della nuova direzione artistica di Alessandro Preziosi.

    Parte del laboratorio a L'Aquila è stato ospitato da La Casa del Volontariato e dell'Associazionismo, inaugurata nel luglio 2011, struttura fortemente voluta dalle associazioni aquilane all'indomani del sisma del 6 aprile come risposta concreta alla carenza di luoghi di aggregazione in città e che si è rivelata fondamentale nel favorire concentrazione, confronto e scambio di punti di vista.

    Il primo esito del lavoro, nell'attesa e speranza che possa essere veramente solo la prima tappa e trovare in futuro innanzitutto un'occasione di apertura performativa alla città dell'Aquila e per la città dell'Aquila e poi la stesura di testi che potranno nascere dal materiale raccolto nelle due città, sarà una restituzione scenica dei primi frammenti di scrittura prodotti. Questa presentazione, dal titolo 'Milano L'Aquila: sguardi incrociati sulle città che andiamo a vivere', a cura di Renata Molinari, si terrà venerdì 1 giugno, alle ore 18.30, presso il Teatrino della Scuola Paolo Grassi.

    Protagonisti i partecipanti al laboratorio che sono: gli allievi della Scuola Paolo Grassi Gabriele Dino Albanese, Riccardo Calabrò, Rocco Manfredi e Alessandra Ventrella, affiancati dalle partner aquilane e abruzzesi Annalisa Ciuffetelli, Yoselin Giovani, Ilaria Micari e Alessandra Pavoni e da Giorgina Cantalini.

    28/5/2012







      www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7594


      aperto il Topic ALESSANDRO E IL TSA D'ABRUZZO con

      le interviste a Preziosi, gli articoli riguardanti L'AQUILA

      la ricostruzione, la cultura e il Teatro Stabile D'Abruzzo

      e a questo topic vi rimando, per recensioni e commenti

    _________________
    Top
    Profilo Invia messaggio privato HomePage
    Mostra prima i messaggi di:   
    Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
    Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 52, 53, 54  Successivo
    Pagina 53 di 54

     
    Vai a:  
    Non puoi inserire nuovi argomenti
    Non puoi rispondere a nessun argomento
    Non puoi modificare i tuoi messaggi
    Non puoi cancellare i tuoi messaggi
    Non puoi votare nei sondaggi


    Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
    phpbb.it
    Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati