ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

I NOSTRI INCONTRI
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 189, 190, 191  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Ven Lug 05, 2019 20:03    Oggetto: MOBY DICK: reading al TEMACultura Festival - MOGLIANO Veneto Rispondi citando





Alessandro Preziosi official Forum ci invita al teatro




"MOBY DICK" READING DI ALESSANDRO PREZIOSI

dal romanzo di Melville _ drammaturgia di T. Mattei

live electronics Paky Di Maio, produz. KHORA.teatro






giovedì 18 luglio 21:00 evento "Piazzetta del Teatro"

TEMACULTURA FESTIVAL - MOGLIANO VENETO (TV)

Rassegna Teatrale nell'ambito di METROPOLIS .2019










Info: clicca sulla locandina per prenotare il tuo posto!


temaculturafestival@gmail.com tel. 3462201356 Giovanna Cordova, direttore artistico


I biglietti sono disponibili presso la sede SPAZIO 11 di Campocroce di Mogliano, in via Zero Branco 16 (la sede è attigua alla Filanda Motta) tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 19,00;

lunedì martedì e mercoledì dalle 10,00 alle 12,30 presso LA STANZA SPAZIO EVENTI via Pescatori 23 a TREVISO.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso il Cinema Teatro Busan di Mogliano.








Il recital di Alessandro Preziosi, tratto da Moby Dick, il capolavoro di Herman Melville, scritto nel 1851 e pubblicato in Italia per la prima volta nel 1932, grazie alla stupenda traduzione di Cesare Pavese, è uno di quei titoli che lascia il segno. La lotta del capitano Achab contro la balena bianca è un racconto dell’epica e infinita lotta dell’uomo contro i suoi mostri.

L’oceano, con la sua forza oscura e immensa, è il campo di battaglia, mentre la potente balena bianca è l’ancestrale nemico da sconfiggere, simbolo di tutte le paure, le angosce e le ossessioni capaci di abbattere lo spirito. Ma se Moby Dick rischia di sembrare ad una prima scorsa un libro cupo e disperato, l’obiettivo del recital di Alessandro Preziosi è invece un percorso da fare con lo spettatore alla ricerca di un messaggio di speranza.

L’adattamento è così tutto rivolto a riscoprire quella vena aurea, luminosa, che scorre nel sottosuolo della magistrale opera di Melville e che caratterizza buona parte della letteratura moderna: la vena di quei profeti che prima e meglio di tutti hanno intravisto un barlume di Vero nelle profondità dell’uomo e del suo Mistero sulla Terra.

La lettura di Alessandro Preziosi – accompagnato dal live electronics di Paky Di Maio – ha l’intento di far comprendere appieno la pendolarità della condizione umana, nel descrivere in modo incomparabile l’eterno rimpianto e allo stesso tempo l’incurabile struggimento che spinge ciascuno di noi sempre avanti, sempre altrove.

Il recital tenderà dunque a mettere in luce quello che lo stesso Melville sembrava suggerire quasi inconsciamente, ovvero che sussiste un’altra dimensione delle cose, una dimensione di cui Moby Dick è la parte malvagia, ma non invincibile, una dimensione che ci spinge a lottare e ad andare avanti anche quando ogni senso sembra smarrito, ogni sforzo pare senza esito.

Alessandro Preziosi, al fianco di Achab, accompagna lo spettatore in questo viaggio fino agli abissi dell’animo umano, aiutandolo a decifrare il labirinto di avventure, simboli e filosofie che ne hanno fatto un mito moderno.








con Alessandro Preziosi, protagonista dello spettacolo

ci sarà pure il Desk dell'Associazione Adricesta Onlus,

di cui l'artista è testimonial, un pretesto di Solidarietà




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Lun Lug 08, 2019 07:31    Oggetto: nel Belìce PREZIOSI legge LA NOTTE DI GIBELLINA di RECALCATI Rispondi citando





a più di 51 anni, dal terremoto nella Valle del Belìce,

la Sicilia e l'Italia ricordano con "Il TEATRO in cuffia"


18:30 venerdì 26 luglio Alessandro Preziosi al Cretto

legge LA NOTTE DI GIBELLINA di Massimo Recalcati,

Evento in collaborazione con Fondazione ORESTIADI










I BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono già disponibili - tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182
glorialobueteatrolidea@gmail.com

COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140








“Il Cretto di Gibellina di Burri non è solo un gesto umanissimo di pietas. Non si limita a commemorare poeticamente una tragedia. Esso mostra il valore profondo che accompagna l’azione dell’arte in quanto tale: la morte non è l’ultima parola sulla vita, la forma dell’opera salva il mondo dal puro orrore”.- commenta Recalcati.


La ricostruzione del paese, completamente distrutto nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968, portò alla creazione di una nuova realtà, chiamata Gibellina Nuova, dove l'allora sindaco Ludovico Corrao chiamò a sé, con un atto di responsabilità civile, i più importanti artisti del panorama contemporaneo. Alberto Burri, unico tra questi, scosso dall'immagine delle rovine, volle la sua opera nella vecchia città lacerata. L'intervento dell'artista, che ricoprì l'intera Gibellina Vecchia con una distesa di cemento che tiene salde le materie e i ricordi, sancisce un legame tra il bisogno di elaborazione del trauma e lo scenario storico in cui esso si materializza, antico e mitico. Il Grande Cretto di Gibellina, la Land Art più grande al mondo, iniziata nel 1985, fu completata postuma nel 2015.







    Io farei così: compattiamo le macerie che tanto sono un
    problema per tutti, le armiamo per bene, e con il cemento
    facciamo un immenso cretto bianco, così che resti perenne
    ricordo di quest’avvenimento.
    A. Burri.


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Marisol



Registrato: 07/01/11 10:40
Messaggi: 3595
Residenza: Madrid

MessaggioInviato: Mer Lug 10, 2019 13:39    Oggetto: Rispondi citando


Ottima informazione, come sempre Razz Razz !!!

Grazie mille carissima Giuly Wink Wink !!!

Tanti baci con grande e sincero affetto da Madrid



Marisol

_________________
La vera ricchezza è prendere la vita con amore, donando amore.



Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Ven Lug 12, 2019 18:42    Oggetto: nel Belìce PREZIOSI legge LA NOTTE DI GIBELLINA di RECALCATI Rispondi citando





a più di 51 anni, dal terremoto nella Valle del Belìce,

"Il TEATRO in cuffia nel silenzio del Grande CRETTO"

Evento in collaborazione con Fondazione ORESTIADI


ore 18:30 venerdì 26 luglio ALESSANDRO PREZIOSI

legge LA NOTTE DI GIBELLINA, di Massimo Recalcati

Istituzione L'Idea - opera teatrale in Prima Nazionale





ha scritto:



SICILIA - TEATRO:
sul Grande Cretto di Gibellina spettacoli in cuffia



25 luglio Antigone con Ranzi; 26, testo Recalcati con Preziosi




(ANSA) - GIBELLINA (TRAPANI) - "Il Teatro in cuffia nel silenzio del Grande Cretto" è il titolo di un evento che avrà come palcoscenico la più grande opera di Land Art al mondo realizzata sulle rovine di Gibellina vecchia. Due spettacoli teatrali in scena il 25 e il 26 luglio che gli spettatori potranno vivere in forma originale ascoltandoli muniti di cuffie in quadrifonia. Un modo suggestivo di immergersi nell'opera teatrale e di viaggiare nel religioso silenzio di quella emozionante opera che è il Grande Cretto di Alberto Burri.


Si inizia giovedì 25 luglio, dalle ore 18.30 fino al tramonto, con Galatea Ranzi che interpreta "Antigone Possibile", una scrittura di Pina Catanzariti che reinterpreta l'opera di Sofocle, per la regia di Marcello Cava.


Secondo appuntamento venerdì 26 luglio con Alessandro Preziosi che interpreta "La Notte di Gibellina" un'opera teatrale scritta da Massimo Recalcati, testo appositamente dedicato a Gibellina ed in maniera particolare al "Grande Cretto", opera d'arte già oggetto di studio del noto psicanalista, che con "La Notte di Gibellina" si cimenta in una narrazione drammaturgica costruita in chiave analitica e simbolica. Il Grande Cretto raccontato da Recalcati diventa simbolo ed esaltazione della vita, opera che ricuce un'antica ferita, che produce quella bellezza che lenisce il dolore elaborando creativamente il sentimento della perdita. A dare voce al testo drammaturgico di Massimo Recalcati sarà Alessandro Preziosi che sul Grande Cretto racconterà un teatro dal linguaggio psicoanalitico che l'attore ha già sperimentato con l'interpretazione della figura di Vincent Van Gogh.

"Il Teatro in cuffia nel silenzio del Grande Cretto", è organizzato dal Comune di Gibellina in collaborazione con la Fondazione Orestiadi.




Redazione Ansa - 12/07/19 - pubblicato via ANSA.IT Cultura, Sicilia







I BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono già disponibili - tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182

glorialobueteatrolidea@gmail.com; https://www.liveticket.it/evento.aspx?Id=253647


COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Lun Lug 15, 2019 19:59    Oggetto: MOBY DICK: reading al TEMACultura Festival - MOGLIANO Veneto Rispondi citando





"MOBY DICK" READING DI ALESSANDRO PREZIOSI

dal romanzo di Melville _ drammaturgia di T. Mattei

live electronics Paky Di Maio, produz. KHORA.teatro









giovedì 18 luglio 21:00 evento "Piazzetta del Teatro"

TEMACULTURA FESTIVAL - MOGLIANO VENETO (TV)

Rassegna Teatrale nell'ambito di METROPOLIS .2019





Alessandro Preziosi a Tema Cultura Festival per l’unica data in Veneto dello spettacolo “Moby Dick”. Un evento speciale, quello che giovedì 18 luglio alle 21 andrà in scena nella Piazzetta del Teatro di Mogliano Veneto per il terzo appuntamento della rassegna di spettacoli, letture sceniche e incontri musicali curata da Giovanna Cordova, giunta quest’anno alla quarta edizione.

Preso il largo alla Filanda Motta di Mogliano Veneto il 4 luglio con il sold out per Ivana Monti, una delle più grandi interpreti del teatro italiano, sul palco con “Ecuba e le streghe”, dopo l'applauditissima lettura teatralizzata a cura degli allievi di Tema Cultura Academy de “Il silenzio di averti accanto”, l'ultimo romanzo dell'artista vicentino Giancarlo Marinelli, ospite della manifestazione giovedì scorso, la rassegna prosegue ospitando Alessandro Preziosi, uno dei più amati ed apprezzati artisti italiani, che darà vita al recital di uno degli intramontabili capolavori della letteratura americana, “Moby Dick”, la storia dell'irriducibile capitano Achab impegnato nella fatale caccia alla balena bianca. Scritto nel 1851 e pubblicato in Italia per la prima volta nel 1932 grazie alla stupenda traduzione di Cesare Pavese, il libro di Melville è uno di quei titoli che lascia il segno, un racconto dell’epica e infinita lotta dell’uomo contro i suoi mostri. L’oceano con la sua forza oscura e immensa è il campo di battaglia, mentre la potente balena bianca è l’ancestrale nemico da sconfiggere, simbolo di tutte le paure, le angosce e le ossessioni capaci di abbattere lo spirito.

Accompagnato dal live electronics di Paky Di Maio, Alessandro Preziosi guiderà lo spettatore in questo viaggio fino agli abissi dell’animo umano, aiutandolo a decifrare il labirinto di avventure, simboli e filosofie che ne hanno fatto un mito moderno. «Il capolavoro di Melville ha affascinato – commenta Giovanna Cordova, direttrice artistica di Tema Cultura Festival – intere generazioni e oggi come ieri ammalia i lettori grazie alla potenza dei suoi messaggi, che rivivranno nella voce e nell’interpretazione di un intenso Alessandro Preziosi». In caso di maltempo, lo spettacolo avrà luogo al Teatro Busan di Mogliano.




temaculturafestival@gmail.com tel. 3462201356 Giovanna Cordova, direttore artistico


I biglietti sono disponibili presso la sede SPAZIO 11 di Campocroce di Mogliano, in via Zero Branco 16 (la sede è attigua alla Filanda Motta) tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 19,00;

lunedì martedì e mercoledì dalle 10,00 alle 12,30 presso LA STANZA SPAZIO EVENTI via Pescatori 23 a TREVISO.



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Mer Lug 17, 2019 17:57    Oggetto: MOBY DICK 18/07/19 al TEMA-Cultura Festival, MOGLIANO Veneto Rispondi citando





GEDI Gruppo Editoriale INTERVISTA in occasione di




"MOBY DICK" READING DI ALESSANDRO PREZIOSI

live electronics Paky Di Maio, produz. KHORA.teatro

al TEMACULTURA FESTIVAL. MOGLIANO VENETO






ha scritto:





Piazzetta TEATRO - 18/7/ Mogliano Veneto (Treviso)

PREZIOSI negli ABISSI dell'animo con "MOBY DICK"



"INDAGO la malvagità, CON UN FILO DI SPERANZA"





"Laggiù soffia! Laggiù soffia! La gobba come una montagna di neve! E' Moby Dick!". ALESSANDRO PREZIOSI porta domani alle 21 in Piazzetta Teatro a Mogliano la sua versione di "MOBY DICK", il capolavoro di Herman Melville, scritto nel 1851 e pubblicato in Italia per la prima volta nel 1932 nella traduzione di Cesare Pavese. Per l'unica data nel Veneto l'attore napoletano, classe 1973, pone prestigiosa griffe al TEMA CULTURA FESTIVAL ponendosi al fianco del capitano Achab per accompagnare gli spettatori in un viaggio che, oltre agli abissi del mare, vuole toccare anche gli abissi dell'animo umano, aiutandolo a decifrare il labirinto di avventure, simboli e filosofie che della balena bianca hanno fatto un mito moderno.

Perché "MOBY DICK" capolavoro della cosiddetta "American Renaissance"?
"La scelta nasce dall'idea di raccontare il rapporto dell'uomo con il male. Un mondo da evocare, quasi una tragedia greca con la vendetta posta alla guida della mutazione dei sentimenti".

Come sente il protagonista, il capitano Achab?
"Un uomo immerso in una solitudine cosmica, un uomo che vive 40 anni in mezzo al mare, una specie di Prometeo, per il quale la balena rappresenta l'Assoluto che l'uomo insegue e non può conoscere mai".

Da tempo ha intrapreso la forma teatrale del monologo. Quali i motivi?
"Il narrare dà all'attore la possibilità di affrontare più aspetti del tema prescelto e porta una significativa condivisione tra chi recita e il pubblico".

In "MOBY DICK" descrive la parte malvagia dell'uomo?
"Sì, quella malvagia che però non è invincibile. Lascia un filo di speranza".

C'è una osmosi tra il suo precedente "VINCENT VAN GOGH.
L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO
" e la storia di Melville?
"Il bianco è l'inizio della fine. Da un lato la tela, il lenzuolo bianco, dall'altro la balena, lo squalo bianco. Li accomuna la tenebrosità del bianco. Nel bianco l'uomo perde la bussola del suo istinto, del suo essere. In entrambi questi lavori ho avvertito la devastante neutralità del vuoto".

Dai tempi dei suoi esordi nel mondo dello spettacolo cosa è cambiato?
"E' cambiata l'attenzione che si pone a chi recita. E' tutto preda di una strana velocità, di una liquidità che suggerisce un'indolenza apatica, abulica".

Laureato in giurisprudenza. Perché fare l'attore?
"Quando andavo a scuola mi piaceva il Rinascimento e l'Umanesimo. Poi ho voluto conoscere meglio la mia cultura e in questo senso più che le pendette mi ha ispirato la storia del teatro e della letteratura. Fare l'attore per me è conoscere meglio la vita, o, scherzando, è un modo per non stare a casa".



Tra i premi ricevuti l'ultimo è il "Napoli per l'Eccellenza - Civicrazia alla carriera e all'impegno sociale".
"Accanto all'attore vive un uomo che da 15 anni aiuta a raccogliere fondi per i Bambini Malati di leucemia. Il premio mi gratifica per l'opera che facciamo in un'associazione e penso con ciò di fare solo la metà del mio dovere".



Alessandro Valenti, 17/07/19; La Tribuna di Treviso | Il Mattino di Padova








con Alessandro Preziosi, protagonista dello spettacolo

il DESK Benefico dell'Associazione ADRICESTA ONLUS

di cui l'artista è Testimonial Solidale da più di 15 Anni








incontra ADRICESTA, Associazione Donazione Ricerca

Italiana Cellule Staminali Trapianto Assistenza,
Onlus

chiama 085.2056770 invia e.mail info@adricesta.com




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Gio Lug 18, 2019 12:09    Oggetto: MOBY DICK 18/07/19 al TEMA-Cultura Festival, MOGLIANO Veneto Rispondi citando





Il GAZZETTINO Quotidiano del Nordest INTERVISTA


ALESSANDRO PREZIOSI per il reading "MOBY DICK"




ha scritto:





Piazzetta TEATRO - 18/7/ Mogliano Veneto (Treviso)




        Oggi PREZIOSI insegue «MOBY DICK»

        nell'unica data IN VENETO per l’attore

        che si confronta con l’opera di Melville:

        «Mi piace leggere i classici al pubblico»



Accompagnato dal live electronics di Paky Di Maio, Alessandro Preziosi guida lo spettatore in un viaggio fino agli abissi dell’animo umano, aiutandolo a decifrare il labirinto di avventure, simboli e filosofie che hanno fatto di Moby Dick un mito moderno. Ospite al TEMA CULTURA FESTIVAL con l’unica data in Veneto del recital “MOBY DICK”, Preziosi presenta nella piazzetta del Teatro di Mogliano Veneto un evento speciale in cartellone domani alle 21 (info tel. 346.2201356 - www.temacultura.it).

Scritto nel 1851 e pubblicato in Italia per la prima volta nel 1932 grazie alla stupenda traduzione di Cesare Pavese, il libro di Melville è uno di quei titoli che lascia il segno, un racconto dell’epica e infinita lotta dell’uomo contro i suoi mostri. L’oceano con la sua forza oscura e immensa è il campo di battaglia, mentre la potente balena bianca è l’ancestrale nemico da sconfiggere, simbolo di tutte le paure, le angosce e le ossessioni capaci di abbattere lo spirito.

Alessandro Preziosi dà vita al recital di “MOBY DICK”, penetrando nella storia dell’irriducibile capitano Achab impegnato nella fatale caccia alla balena bianca. L’opera descrive con potenza l’eterno rimpianto e lo struggimento che ciascuno spinge in avanti, sempre altrove. C’è nelle parole di Melville la ricerca di un porto in cui il Male finalmente possa dare una tregua. Perché la balena bianca per molti interpreti del testo è la rappresentazione del Male Assoluto che sembra invincibile, ma alla fine non vince pur non essendo vinta, fa strage dell’intero equipaggio, ma risparmia il vero protagonista ovvero il narratore che possa raccontare la storia della grande battaglia. Il recital mette in luce quello che lo stesso Melville sembrava suggerire, ovvero che sussiste una dimensione di cui Moby Dick è la parte malvagia dell’anima.

Preziosi, perché leggere “MOBY DICK” in pubblico?
«Il recital nasce nell’ambito del NAPOLI TEATRO FESTIVAL. Il tema proposto era l’acqua: subito la mente è corsa al formidabile incipit del viaggio di Ismaele, l’acqua come simbolo specchiante e misterioso dell’eterna ricerca dell’uomo».

Perché l’opera di Melville ha lasciato un segno nella letteratura ma forse anche nella coscienza collettiva?
«Perché ha avuto la capacità di imprimere nell’immaginario contenuti universali attraverso il fascino poetico di un’epopea. La scrittura di Melville è ricchissima ed evocativa questa la grande scoperta che si fa ogni sera con il pubblico».

Farsi travolgere da una sfida è umano o troppo umano?
«È umanissimo se ha a che fare con l’eterna ricerca della vita e al contempo inumano se la sfida diviene ossessione cieca e vendicativa».

Preziosi interprete ama dare voce alla letteratura?
«Da tempo ho intrapreso questo percorso. Mi piace pensare che si crei una sorta di cortocircuito e che anche grazie a questi eventi il pubblico (soprattutto i più giovani) possa riscoprire il gusto della lettura».

Su quali nuovi progetti sta lavorando ora?
«A breve porterò in scena sul Grande Cretto di Alberto Burri a GIBELLINA Vecchia un testo originale di Massimo Recalcati. È un tema che mi interessa molto, il terremoto e la condizione di precarietà e perdita di fronte la quale ti mettono inevitabilmente eventi così drammatici e che sarà presto oggetto di un documentario che dirigerò dal titolo “LA LEGGE DEL TERREMOTO”».




Giambattista Marchetto, 17/07/19; Cultura-Spettacoli IL GAZZETTINO NordEst








Mogliano Veneto: dalle ore 16 saranno disponibili i ticket presso

la biglietteria posizionata in Piazzetta del Teatro - tempo sereno




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Marisol



Registrato: 07/01/11 10:40
Messaggi: 3595
Residenza: Madrid

MessaggioInviato: Gio Lug 18, 2019 12:53    Oggetto: Re: MOBY DICK 18/07/19 al TEMA-Cultura Festival, MOGLIANO Ve Rispondi citando


genziana ha scritto:



GEDI Gruppo Editoriale INTERVISTA in occasione di




"MOBY DICK" READING DI ALESSANDRO PREZIOSI

live electronics Paky Di Maio, produz. KHORA.teatro

al TEMACULTURA FESTIVAL. MOGLIANO VENETO






ha scritto:





Piazzetta TEATRO - 18/7/ Mogliano Veneto (Treviso)

PREZIOSI negli ABISSI dell'animo con "MOBY DICK"



"INDAGO la malvagità, CON UN FILO DI SPERANZA"





"Laggiù soffia! Laggiù soffia! La gobba come una montagna di neve! E' Moby Dick!". ALESSANDRO PREZIOSI porta domani alle 21 in Piazzetta Teatro a Mogliano la sua versione di "MOBY DICK", il capolavoro di Herman Melville, scritto nel 1851 e pubblicato in Italia per la prima volta nel 1932 nella traduzione di Cesare Pavese. Per l'unica data nel Veneto l'attore napoletano, classe 1973, pone prestigiosa griffe al TEMA CULTURA FESTIVAL ponendosi al fianco del capitano Achab per accompagnare gli spettatori in un viaggio che, oltre agli abissi del mare, vuole toccare anche gli abissi dell'animo umano, aiutandolo a decifrare il labirinto di avventure, simboli e filosofie che della balena bianca hanno fatto un mito moderno.

Perché "MOBY DICK" capolavoro della cosiddetta "American Renaissance"?
"La scelta nasce dall'idea di raccontare il rapporto dell'uomo con il male. Un mondo da evocare, quasi una tragedia greca con la vendetta posta alla guida della mutazione dei sentimenti".

Come sente il protagonista, il capitano Achab?
"Un uomo immerso in una solitudine cosmica, un uomo che vive 40 anni in mezzo al mare, una specie di Prometeo, per il quale la balena rappresenta l'Assoluto che l'uomo insegue e non può conoscere mai".

Da tempo ha intrapreso la forma teatrale del monologo. Quali i motivi?
"Il narrare dà all'attore la possibilità di affrontare più aspetti del tema prescelto e porta una significativa condivisione tra chi recita e il pubblico".

In "MOBY DICK" descrive la parte malvagia dell'uomo?
"Sì, quella malvagia che però non è invincibile. Lascia un filo di speranza".

C'è una osmosi tra il suo precedente "VINCENT VAN GOGH.
L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO
" e la storia di Melville?
"Il bianco è l'inizio della fine. Da un lato la tela, il lenzuolo bianco, dall'altro la balena, lo squalo bianco. Li accomuna la tenebrosità del bianco. Nel bianco l'uomo perde la bussola del suo istinto, del suo essere. In entrambi questi lavori ho avvertito la devastante neutralità del vuoto".

Dai tempi dei suoi esordi nel mondo dello spettacolo cosa è cambiato?
"E' cambiata l'attenzione che si pone a chi recita. E' tutto preda di una strana velocità, di una liquidità che suggerisce un'indolenza apatica, abulica".

Laureato in giurisprudenza. Perché fare l'attore?
"Quando andavo a scuola mi piaceva il Rinascimento e l'Umanesimo. Poi ho voluto conoscere meglio la mia cultura e in questo senso più che le pendette mi ha ispirato la storia del teatro e della letteratura. Fare l'attore per me è conoscere meglio la vita, o, scherzando, è un modo per non stare a casa".



Tra i premi ricevuti l'ultimo è il "Napoli per l'Eccellenza - Civicrazia alla carriera e all'impegno sociale".
"Accanto all'attore vive un uomo che da 15 anni aiuta a raccogliere fondi per i Bambini Malati di leucemia. Il premio mi gratifica per l'opera che facciamo in un'associazione e penso con ciò di fare solo la metà del mio dovere".



Alessandro Valenti, 17/07/19; La Tribuna di Treviso | Il Mattino di Padova








con Alessandro Preziosi, protagonista dello spettacolo

il DESK Benefico dell'Associazione ADRICESTA ONLUS

di cui l'artista è Testimonial Solidale da più di 15 Anni








incontra ADRICESTA, Associazione Donazione Ricerca

Italiana Cellule Staminali Trapianto Assistenza,
Onlus

chiama 085.2056770 invia e.mail info@adricesta.com







Bravo mio caro Ale! Il tuo impegno y sostegno sempre, sono un'esplosione di colori pieni di speranza e gioia per il nostri bambini malati.




Grazie Ale!

Tanti baci con grande e sincero affetto da Madrid.


Marisol

_________________
La vera ricchezza è prendere la vita con amore, donando amore.



Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Gio Lug 18, 2019 14:09    Oggetto: MOBY DICK 18/07/19 al TEMA-Cultura Festival, MOGLIANO Veneto Rispondi citando





CORRIERE DEL VENETO, Ed. Nazionale INTERVISTA


ALESSANDRO PREZIOSI per il reading "MOBY DICK"





ha scritto:



ALESSANDRO PREZIOSI:

«Il mio MOBY DICK sull’insensatezza dell’odio»

stasera a Mogliano rivede il romanzo di Melville





Ci sono romanzi intramontabili, in grado di appassionare generazioni. Come MOBY DICK, il capolavoro di HERMANN MELVILLE del 1851. Stasera alle 21:00 la Piazzetta del Teatro di MOGLIANO VENETO diventerà un oceano su cui navigherà la flotta del TEMA CULTURA FESTIVAL, capitanata da ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di Acab, per la drammaturgia di Tommaso Mattei e con l'accompagnamento live electronics di Paky Di Maio. (www.temacultura.it)

ALESSANDRO PREZIOSI, con quale criterio ha scelto alcune sequenze a scapito di altre?
«L'arco narrativo è quello del libro, con ellissi e omissioni, che riducono il copione a un dialogo immaginario tra il narratore con il pubblico, a cui si aggiungono i monologhi di Acab. C'è anche la mia messa in scena, mi sono impadronito del racconto e della drammaturgia. È un substrato fatto di suggestioni, innesti e atmosfere, supportate dalle intuizioni musicali di Paky Di Maio».

Ritrova qualcosa di sé in Acab?
«Il capitano è un uomo stretto tra la solitudine del suo potere e l'immensità della sua ossessione. Posso dirmi sanamente ostinato come lui alle volte, ma mai tanto insanamente vendicativo. L'ossessione di Acab è come un arco teso tra il primordiale e il soprannaturale, ha un che di inumano, insopportabile, ma alle volte stranamente lampante. E il merito è tutto di Melville, così comprensibile e universale».

L'odio è un sentimento sdoganato. Non se ne parla troppo?
«MOBY DICK ci insegna l'insensatezza dell'odio: questo paradigma è un atto di amore per la vita. La vita ci sfida e lo si capisce bene in fondo al racconto del naufrago Ismaele».

Come fa a calarsi nei panni di un personaggio?
«C'è tanto lavoro sul testo, ma mi tengo anche libero per scoperte estemporanee, vissute per così dire in diretta con il pubblico».

Sarebbe piaciuto a Melville?
«Non saprei, ma gli avrebbe fatto di sicuro piacere sapere che abbiamo deciso di iniziare il recital con una sua poesia, tratta da una splendida raccolta, forse un po' trascurata. Perché tutti conoscono il Melville romanziere, meno il poeta».




Marianna Peluso, 18/7/19 p.15, tutte le edizioni CORRIERE del VENETO








Mogliano Veneto: dalle ore 16 saranno disponibili i ticket presso

la biglietteria posizionata in Piazzetta del Teatro - tempo sereno







_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Gio Lug 18, 2019 14:24    Oggetto: MOBY DICK 18/07/19 al TEMA-Cultura Festival, MOGLIANO Veneto Rispondi citando








INTERVISTA RADIO VENETO UNO.IT in occasione di




"MOBY DICK" READING DI ALESSANDRO PREZIOSI

live electronics Paky Di Maio, produz. KHORA.teatro

al TEMACULTURA FESTIVAL. MOGLIANO VENETO










"Con Alessandro Preziosi abbiamo solcato gli impeti interiori del capitano Achab, affrontato venti contrari e marosi gelidi alla ricerca della luce nascosta nel buio dell'io.

Grazie a chi è stato con noi, ad Alessandro Preziosi e Paky Di Maio". dal TemaCultura Festival, 18 luglio 2019














con Alessandro Preziosi, protagonista dello spettacolo

il DESK Benefico dell'Associazione ADRICESTA ONLUS

di cui l'artista è Testimonial Solidale da più di 15 Anni










incontra ADRICESTA, Associazione Donazione Ricerca

Italiana Cellule Staminali Trapianto Assistenza,
Onlus

chiama 085.2056770 invia e.mail info@adricesta.com




_________________


L'ultima modifica di genziana il Lun Lug 22, 2019 12:30, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Sab Lug 20, 2019 14:12    Oggetto: nel Belìce PREZIOSI legge LA NOTTE DI GIBELLINA di RECALCATI Rispondi citando





a più di 51 anni, dal terremoto nella Valle del Belìce,

"Il TEATRO in cuffia nel silenzio del Grande CRETTO"

Evento in collaborazione con Fondazione ORESTIADI


ore 18:30 venerdì 26 Luglio ALESSANDRO PREZIOSI

legge LA NOTTE DI GIBELLINA, di Massimo Recalcati

Istituzione L'Idea - opera teatrale in Prima Nazionale











«Porterò in scena sul Grande Cretto di Alberto Burri a Gibellina
Vecchia un testo originale di Massimo Recalcati; è un tema che
mi interessa molto, il terremoto e la condizione di precarietà e
perdita di fronte la quale ti mettono inevitabilmente eventi così
drammatici, e che sarà presto oggetto di un documentario che
dirigerò dal titolo “La legge del terremoto”
».
- Il Gazzettino, 17/07/19




I BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono già disponibili - tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182

glorialobueteatrolidea@gmail.com; https://www.liveticket.it/evento.aspx?Id=253647


COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Dom Lug 21, 2019 10:49    Oggetto: nel Belìce PREZIOSI legge LA NOTTE DI GIBELLINA di RECALCATI Rispondi citando





"Il TEATRO in cuffia nel silenzio del Grande CRETTO"

ore 18:30 venerdì 26 Luglio ALESSANDRO PREZIOSI

legge LA NOTTE DI GIBELLINA, di Massimo Recalcati






ha scritto:





Doppio appuntamento in ricordo delle vittime del terremoto




al CRETTO DI BURRI rivive il DOLORE della PERDITA



    In scena Galatea Ranzi con “Antigone possibile”

    e Alessandro Preziosi - con un testo di Recalcati



Una grande apnea sonora, alla ricerca della mano di Burri, del dolore di chi è rimasto. Degli occhiali di Francesco, dei panni di Cetta, dei giocattoli di Santina, delle pentole di Eufrasia. Perché sotto il Cretto restarono i morti e gli oggetti, i vicoli e i bagli. Un sudario, si disse ai tempi, un’opera di Land Art, scrissero i critici, un lenzuolo leggero sulla devastazione. Che oggi uno psicoanalista come MASSIMO RECALCATI rilegge e centellina in quello che è il suo secondo testo teatrale (il primo lo scrisse a sedici anni, scrive e intuisci che sorride, ma il teatro è sempre stato un amore segreto).

LA NOTTE DI GIBELLINA” sarà il secondo capitolo di un progetto affascinante ideato con l’aiuto di Tanino Bonifacio, vice sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Gibellina: giovedì e venerdì ci si avvicinerà al Cretto in religioso silenzio, perché gli spettatori saranno forniti di cuffie in quadrifonia per ascoltare: il primo giorno alle 18:30, “Antigone possibile”, interpretato da Galatea Ranzi, scrittura di Pina Catanzariti che reinterpreta l’opera di Sofocle, con la regia di Marcello Cava; poi, venerdì, “LA NOTTE DI GIBELLINA” dalle parole di ALESSANDRO PREZIOSI.
Un modo suggestivo di immergersi nell’opera teatrale e di viaggiare nel religioso silenzio di quella magnifica opera di Land Art che è il GRANDE CRETTO di ALBERTO BURRI” spiega Bonifacio.

Da ragazzo nutrivo una vera passione per il teatro – scrive Recalcati che ha già lavorato sul Cretto di Burri -. Ci andavo almeno due volta alla settimana. A 19 anni ho scritto il mio primo e unico testo intitolato “Il Baltico nell’occhio del sorvegliante”. Quarant’anni dopo sono ritornato alla mia prima passione e ho scritto un testo teatrale per Gibellina. Per me un onore profondo”.

Teatro dal linguaggio psicoanalitico che l’attore ha già sperimentato con l’interpretazione della vita di Vincent Van Gogh. “Questo testo è una radiografia ideologica e poetica di quello che è stato l’intervento di Alberto Burri sulla Gibellina devastata dalle macerie - spiega Alessandro PreziosiRecalcati immagina da un lato, il pensiero dell’artista, si pone di fronte al Cretto che copre un evento irrimediabile; dall’altro è la voce di due simbolici abitanti di Gibellina che ricordano la cittadina come era prima, Il silent sound fa il resto: un tentativo di coinvolgere chi recita, chi suona e chi ascolta in una grande apnea sonora. Chi si affaccia sul Cretto, ne coglie subito la sua magnificenza cromatica. Quando il bianco smette di essere un colore innocente e puro, come un abito di nozze o di battesimo, e diventa mistero, dolore e tenebra, un colore da temere. Il Cretto richiede silenzio e una grande purezza d’animo. E non credo che tutti i momenti siano giusti per vedere questo luogo”.

Preziosi sta girando “La legge del terremoto”, serie di documentari nati con sostegno del MiBAC, che ha inizio proprio con il Belìce, il primo sisma mediatico. “Vogliamo raccontare il concetto della perdita. Per capire che la vita va onorata fino in fondo perché in un attimo puoi perdere tutto”.



Il Teatro in cuffia nel silenzio del Grande Cretto” è organizzato dal Comune di Gibellina in collaborazione con la Fondazione Orestiadi.


21/07/19, Simonetta Trovato, Gibellina
GIORNALE DI SICILIA edizione Nazionale – Cultura Spettacoli, pag. 39








I BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono già disponibili - tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182

glorialobueteatrolidea@gmail.com; https://www.liveticket.it/evento.aspx?Id=253647


COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Adry



Registrato: 07/05/04 18:52
Messaggi: 3257
Residenza: provincia di Trapani

MessaggioInviato: Dom Lug 21, 2019 16:26    Oggetto: Rispondi citando


Ciao Alessandro, dopo gennaio ed ottobre 2018, ti dò il Bentornato nella mia amata Valle del Belìce, emozionata e felice di vederti in uno spettacolo che la racconta. Su quel Cretto che è stato tante volte per me argomento di conversazione con chi ha dato il via per portare a realizzazione questo utopico sogno. Su quel Cretto che genera un sospiro trattenuto ed un pugno allo stomaco per chi vi arriva, suscitando battiti di cuore e lacrime e tanto tanto silenzio perché non ci sono le parole. Spero di poterti anche incontrare dopo averci fatto emozionare col tuo silenzio misto alle parole. GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Mer Lug 24, 2019 06:48    Oggetto: PREZIOSI recita LA NOTTE DI GIBELLINA e brani dal MOBY DICK Rispondi citando





a più di 51 anni dal terremoto, nella Valle del Belìce,

"Il TEATRO in cuffia nel silenzio del Grande CRETTO"

Evento in collaborazione con Fondazione ORESTIADI


ore 18:00 venerdì 26 Luglio ALESSANDRO PREZIOSI

legge LA NOTTE DI GIBELLINA, di Massimo Recalcati

Istituzione L'Idea - opera teatrale in Prima Nazionale


in omaggio recita di alcuni frammenti da MOBY DICK











Il testo de LA NOTTE DI GIBELLINA è una radiografia ideologica e poetica di quello che è stato l’intervento di Alberto Burri sulla Gibellina devastata dalle macerie. Recalcati immagina da un lato, il pensiero dell’artista, si pone di fronte al Cretto che copre un evento irrimediabile; dall’altro è la voce di due simbolici abitanti di Gibellina che ricordano la cittadina come era prima.
Il silent sound fa il resto: un tentativo di coinvolgere chi recita, chi suona e chi ascolta in una grande apnea sonora.
Chi si affaccia sul Cretto, ne coglie subito la sua magnificenza cromatica. Quando il bianco smette di essere un colore innocente e puro, come un abito di nozze o di battesimo, e diventa mistero, dolore e tenebra, un colore da temere. Il Cretto richiede silenzio e una grande purezza d’animo. E non credo che tutti i momenti siano giusti per vedere questo luogo
”.



Nelle ultime ore l’attore Alessandro Preziosi ha reso noto che
omaggerà il Grande Cretto, con un ulteriore intervento teatrale,
recitando anche alcuni frammenti di
MOBY DICK, uno dei più
importanti capolavori della letteratura americana e mondiale
.






Alessandro Preziosi con, al centro, Massimo Recalcati, curatore della mostra “La ferita della bellezza. Alberto
Burri e il Grande Cretto di Gibellina
”, allestita a Roma, al Museo Bilotti in primavera; a sinistra il critico d’arte
Tanino Bonifacio, vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Gibellina. E' stato proposto un allestimento
suggestivo che ha ripercorso tutto l’itinerario artistico di Alberto Burri con i famosi ” Sacchi”, le “Combustioni”, i
“Cretti” per poi finire con l’emozionante sezione dedicata al “Grande Cretto” di Gibellina, presente per la prima
volta in una mostra di Burri, con il modellino del Cretto, con documentazioni progettuali e la mostra fotografica
di Aurelio Amendola
. La mostra aveva, quale compendio espositivo, l’importante cortometraggio dedicato al
“Grande Cretto” della nota regista d’arte Petra NoorKamp. Si è conclusa a giugno con gran riscontro di pubblico.








BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono ancora disponibili tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182

glorialobueteatrolidea@gmail.com; https://www.liveticket.it/evento.aspx?Id=253647


COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140


e anche sul posto presso la BIGLIETTERIA del GRANDE CRETTO



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34994

MessaggioInviato: Mer Lug 24, 2019 07:52    Oggetto: PREZIOSI recita LA NOTTE DI GIBELLINA e suites dal MOBY DICK Rispondi citando


ha scritto:




Alessandro Preziosi OMAGGIA IL CRETTO con i

‘frammenti’ di Moby Dick. Grande attesa per lo

spettacolo del 26 luglioLa notte di Gibellina”.





Fervono i preparativi a Gibellina per quelli che si annunciano essere due grandi eventi ti cultura e teatro realizzati sul Grande Cretto di Alberto Burri i prossimi giovedì 25 e venerdì 26 luglio. Due opere teatrali che saranno ascoltati in cuffia e vedranno in scena Galatea Ranzi con “Antigone Possibile” e Alessandro Preziosi con Massimo Recalcati con l’opera “LA NOTTE DI GIBELLINA”.

Nelle ultime ore l’attore Alessandro Preziosi ha reso noto che omaggerà il Grande Cretto, con un ulteriore intervento teatrale, recitando anche alcuni frammenti di uno dei più importanti capolavori della letteratura americana e mondiale: “MOBY DICK”.

Dunque a Gibellina ritorna il teatro sul Grande Cretto e proprio Massimo Recalcati, il più noto psicanalista italiano e intellettuale impegnato in alcune trasmissioni televisive della Rai, a proposito di questo suo lavoro teatrale dichiara:

Da ragazzo nutrivo una vera passione per il teatro. Ci andavo almeno due volte alla settimana. A 19 anni ho scritto il mio primo e unico testo titolato “Il Baltico nell’occhio del sorvegliante”.
Il 26 luglio, quaranta anni dopo, sono ritornato alla mia prima passione e ho scritto un testo teatrale che verrà messo in scena sul Grande Cretto di Gibellina di Alberto Burri: “La notte di Gibellina”.
Interprete Alessandro Preziosi. Per me un onore profondo
”.



Redazione, 23/07/19; pubblicato via PARTANNAlive.it







BIGLIETTI PER LO SPETTACOLO sono ancora disponibili tramite:


LIVE TICKET - Informazioni - Gloria Lo Bue - telef. 3426114182

glorialobueteatrolidea@gmail.com; https://www.liveticket.it/evento.aspx?Id=253647


COMUNE DI GIBELLINA - Ufficio Cultura - telefono 0924985140


e anche sul posto presso la BIGLIETTERIA del GRANDE CRETTO




ha scritto:




Il teatro in un luogo unico ascoltato in cuffia. A Gibellina
sul Grande Cretto di Alberto Burri va in scena il 25 luglio
2019 e il 26, il progetto organizzato dal Comune. Stasera,
alle 18.30 si inizia con “Antigone Possibile” una riscrittura
curata da Pina Catanzariti con in scena Galatea Ranzi. La
regia è di Marcello Cava. Domani alla stessa ora la coppia
formata dall’attore Alessandro Preziosi e dall’intellettuale
e psicanalista Massimo Recalcati che ha scritto “LA NOTTE
DI GIBELLINA
”. PREZIOSI dopo lo spettacolo ha deciso
di celebrare il GRANDE CRETTO recitando anche alcuni
frammenti di "MOBY DICK". Info e biglietti 3426114182.



LA REPUBBLICA ediz. Palermo - Eventi in Sicilia pag. 17 25/07/19






_________________


L'ultima modifica di genziana il Ven Lug 26, 2019 14:41, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 189, 190, 191  Successivo
Pagina 190 di 191

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy