ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

ciao a tutti
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 56, 57, 58  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Mer Set 20, 2017 10:43    Oggetto: RAI ITALIA 20-21/09/17 PASSIONE SINISTRA film di Marco PONTI Rispondi citando






Orario America/Asia/Australia www.raitalia.it/dl/PortaliRai/Page-ab48738e-506a-4d73-8abb-09248a9db82b.html



    Cinema RAI ITALIA - ALESSANDRO PREZIOSI in

    PASSIONE SINISTRA: 20 e 21 SETTEMBRE 2017

    con Valentina Lodovini, la regia di MARCO PONTI

    produzione: Bianca Film, Rai Cinema con MiBACt

cast: Vinicio Marchioni, Eva Riccobono, Geppi Cucciari








sceneggiatura: Marco Ponti, Elisa Amoruso, Francesca Manieri,
liberamente tratta
dal romanzo di Chiara Gamberale "Una passione sinistra"

produttore: Donatella Botti

cast tecnico: musiche, Gigi Meroni; fotografia, Vladan Radovic;
montaggio, Clelio Benevento; scenografia: Patrizia Alfonsi;
costumi: Massimo Cantini Parrini





Oggi “Cinema Italia”, trasmissione di RAI ITALIA dedicata a cicli, rassegne tematiche e appuntamenti del cinema italiano scelti e presentati dal giornalista e critico Gianni Farina, propone il film commedia “PASSIONE SINISTRA” (2013) di Marco Ponti.


Programmazione: su Rai Italia 1 (Americhe), New York/Toronto mercoledì 20 settembre alle ore 19.30, Buenos Aires il 20 alle ore 20.30, San Paolo il 20 alle 20.30; su Rai Italia 2 (Australia – Asia), Pechino/Perth giovedì 21 alle ore 17, Sydney giov. 21 alle ore 19.





_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
PATRICIA 22



Registrato: 27/08/16 08:28
Messaggi: 283
Residenza: USA

MessaggioInviato: Gio Set 21, 2017 01:18    Oggetto: Rispondi citando


Alessandro, in this letter Gauguin mentions a few of van Gogh's paintings and tells Vincent the secret of relining.


From: Paul Gauguin
To: Vincent van Gogh
Date: Paris, between Tuesday, 8 and Wednesday, January 16, 1889

[This letter has no salutation]
your sunflowers on a yellow background which I regard as a perfect page of an essential ‘Vincent’ style.

(Note: It emerges from a previous letter that Gauguin wanted this canvas; he must have asked for it in the missing part of the present letter. van Gogh’s answer to the present letter has not survived, but that he did indeed reply is apparent from another Gauguin letter.)

At your brother’s home I saw your Sower,( Note: Sower with setting sun. the other canvases with sowers were still in Arles.) which is very good, as well as a yellow still life, apples and lemons. (Note: Quinces, lemons, pears and grapes.)

Your brother gave me a lithographed reproduction of an old painting of yours, Dutch – very interesting as regards color in the drawing. (Note: Gauguin is referring to the lithograph The potato eaters.) In my studio next to your portrait.

(Note: On January 5 Gauguin had rented a studio at 16 rue Saint-Gothard.)

The grape harvests are totally covered in scales as a result of the white which has separated. I’ve stuck all of it back down using a process shown to me by the reliner.

(Note: The identity of this reliner is not known. This could refer to Contet, who in 1886 had taken over the business of Mrs Latouche; in any case, Gauguin had had canvases relined there in 1883.)

If I tell you about it it’s because the thing is easy to do and can be very good for those of your canvases that need retouching – you stick newspapers on your canvas with flour paste. Once dry, you put your canvas on a smooth board and with very hot irons you press down hard on it. All the breaks in your color will remain but will be flattened down and you’ll have a very fine surface. Afterwards you soak your paper covering well and take off all the paper. That’s largely the whole secret of relining. Thank Roulin for thinking of me. I have indeed received my stretcher keys

(Note: It is possible that with ‘clefs’ Gauguin meant the wedges used to tension a stretcher, but he could also have meant the stretchers themselves (‘chassis à clefs’).

- at the next opportunity if you can send me by parcel post my 2 fencing masks and gloves, which I left on the shelf in the little upstairs room.

(Note: Gauguin practised fencing and had given fencing lessons in Pont-Aven. In Avant et après he writes in detail on the art of fencing, not surprisingly, boasting about his talent for it. Laughing )

Friendly wishes from me to everyone.

Cordially yours,
Paul Gauguin
At Mr Schuffenecker’s
29 rue Boulard –

Love ya Preziosi! Later! me.
_________________
Patricia.

"Hell is empty and all the devils are here."
―William Shakespeare
Top
Profilo Invia messaggio privato
mayte



Registrato: 25/09/15 20:30
Messaggi: 365
Residenza: BARCELONA

MessaggioInviato: Gio Set 21, 2017 05:48    Oggetto: Re: RAI ITALIA 20-21/09/17 PASSIONE SINISTRA film di Marco P Rispondi citando


Ahhhhhhhjajaja, sempre divertente anche bellísimo!!!


genziana ha scritto:




Orario America/Asia/Australia www.raitalia.it/dl/PortaliRai/Page-ab48738e-506a-4d73-8abb-09248a9db82b.html



    Cinema RAI ITALIA - ALESSANDRO PREZIOSI in

    PASSIONE SINISTRA: 20 e 21 SETTEMBRE 2017

    con Valentina Lodovini, la regia di MARCO PONTI

    produzione: Bianca Film, Rai Cinema con MiBACt

cast: Vinicio Marchioni, Eva Riccobono, Geppi Cucciari







sceneggiatura: Marco Ponti, Elisa Amoruso, Francesca Manieri,
liberamente tratta
dal romanzo di Chiara Gamberale "Una passione sinistra"

produttore: Donatella Botti

cast tecnico: musiche, Gigi Meroni; fotografia, Vladan Radovic;
montaggio, Clelio Benevento; scenografia: Patrizia Alfonsi;
costumi: Massimo Cantini Parrini





Oggi “Cinema Italia”, trasmissione di RAI ITALIA dedicata a cicli, rassegne tematiche e appuntamenti del cinema italiano scelti e presentati dal giornalista e critico Gianni Farina, propone il film commedia “PASSIONE SINISTRA” (2013) di Marco Ponti.


Programmazione: su Rai Italia 1 (Americhe), New York/Toronto mercoledì 20 settembre alle ore 19.30, Buenos Aires il 20 alle ore 20.30, San Paolo il 20 alle 20.30; su Rai Italia 2 (Australia – Asia), Pechino/Perth giovedì 21 alle ore 17, Sydney giov. 21 alle ore 19.





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
PATRICIA 22



Registrato: 27/08/16 08:28
Messaggi: 283
Residenza: USA

MessaggioInviato: Ven Set 22, 2017 00:51    Oggetto: Rispondi citando


Alessandro, in this letter Gauguin talks about his sketch books, Bernard, and how he amused himself doing croquis at the market. Laughing He also mentions to Vincent that if he goes to the sixth exhibition of the artists’ society Les Vingt in Brussels, he'll remember the advice he gave him and he'll try to do the right thing.


From: Paul Gauguin
To: Vincent van Gogh
Date: Paris, Thursday, January 17, 1889

My dear Vincent
Don’t bother yourself with the studies that I deliberately left in Arles as not being worth the trouble of transporting them. On the other hand the sketchbooks contain notes which are useful to me, and I accept your offer to send them to me.

(Note: These might have included the sketchbook from Brittany and Arles of 1888 published as Le carnet de Paul Gauguin. Gauguin might also have taken that sketchbook with him to Paris; the sketch it contains of a guillotine could be connected with the execution of Prado which he witnessed there on December 27, 1888.)

As well as the 2 masks and gloves —

c/o Mr Schuffenecker
29 rue Boulard

Milliet’s address is

2nd lieutenant 3rd Zouaves
Guelma — Place de Constantine
Algeria

(Note: In the letter I posted yesterday, Gauguin had asked van Gogh to send his fencing masks and gloves. Vincent sent them at the end of April or beginning of May 1889 in a consignment of paintings to Theo.)

I regret that I inadvertently took it with me (all my apologies). I’ve seen Bernard twice since I arrived in Paris. He has a very good chance of not being a soldier because of his narrow chest, and he won’t know his fate until the end of February. It appears that his father is bothering him more and more on account of the painting and the unfortunate letter I wrote to his family.

(Note: This ‘unfortunate letter’ was the one Gauguin sent to Bernard’s sister Madeleine in mid-October 1888, in which he advised her to put off marrying, and first to earn her own livelihood. Her father, who had intercepted the letter, wrote an angry letter to Gauguin, who received it in Arles and forwarded it to Bernard.)

(Note: According to Bernard, Gauguin had fallen in love with Madeleine in Pont-Aven – she had been there from mid-August to mid-October 1888 – and was even intending to elope with her. Her father had, however, forbidden all contact between her and Gauguin. Gauguin must have told van Gogh about this, as emerges from the lack of further explanation in the present letter and the reference to the letter from Bernard’s father in another letter of November 1889.)

No, I haven’t done any portraits yet, having spent my time on errands.

(Note: It is apparent from this passage and the one about exhibiting in Brussels that Gauguin is reacting to van Gogh’s letter, which is no longer extant.)

Now that I have a studio in which I sleep, I’m going to put myself to work.

(Note: Gauguin had been staying with the Schuffenecker family (29 rue Boulard) since his return to Paris.)

I’ve begun a series of lithographs to be published in order to get myself known. Moreover, it’s on your brother’s advice and under his auspices.

(Note: Gauguin is referring to his series of ten ‘zincographies’ (1889), which he made after Theo had urged him to make lithographs. In January-February 1889 he had them printed in Paris by Edouard Ancourt with the title Dessins lithographiques Paul Gauguin. The series is also referred to as the ‘Suite Volpini’, after the 1889 exhibition at which they were displayed. One example is Old maids of Arles, 1889.)

I’m going to buckle down to the portraits of the whole Schuffenecker family, he, his wife and his 2 children in vermilion aprons. It’s darned cold in Paris at the moment — in addition I’ve amused myself doing croquis at the market, and I’m going to get some porters from the market to pose with their big hats, carrying sacks and sides of meat. I’m carried away at top speed by it.

(Note: These sketches by Gauguin of the market are not known.)

I don’t know if I’ll go to Brussels, everything will depend on the money situation, and that’s as clear as mud.

(Note: Gauguin had been invited to display his work at the sixth exhibition of the artists’ society Les Vingt in Brussels, and was toying with the idea of settling in Brussels.)

In any case, if I go there I’ll remember the advice you gave me about it — I don’t know, for example, if my weak voice will be heard. In any case the common good interests me enormously, and I’ll try to do the right thing.

Cordially yours,
Paul Gauguin


Love ya Preziosi! Later! me
_________________
Patricia.

"Hell is empty and all the devils are here."
―William Shakespeare
Top
Profilo Invia messaggio privato
PATRICIA 22



Registrato: 27/08/16 08:28
Messaggi: 283
Residenza: USA

MessaggioInviato: Lun Set 25, 2017 11:22    Oggetto: Rispondi citando


Alessandro, among other things, in this letter, van Gogh speaks of a few paintings, being left behind alone in his little yellow house, and the man he and "Pauly" simultaneously nicknamed ‘the passer-by’ Laughing Roulin.


From: Vincent van Gogh
To: Paul Gauguin
Date: Arles, Monday, January 21, 1889

My dear friend Gauguin,
Thanks for your letter. Left behind alone on board my little yellow house — as it was perhaps my duty to be the last to remain here anyway — I’m not a little plagued by the friends’ departure. Roulin has had his transfer to Marseille and has just left. It has been touching to see him these last days with little Marcelle, when he made her laugh and bounce on his knees.

His transfer necessitates his separation from his family, and you won’t be surprised that as a result the man you and I simultaneously nicknamed ‘the passer-by’ one evening had a very heavy heart. Now so did I, witnessing that and other heart-breaking things. His voice as he sang for his child took on a strange timbre in which there was a hint of a woman rocking a cradle or a distressed wet-nurse, and then another sound of bronze, like a clarion from France.

Now I feel remorse at having perhaps, I who so insisted that you should stay here to await events and gave you so many good reasons for doing so, now I feel remorse at having indeed perhaps prompted your departure — unless, however, that departure was premeditated beforehand? And that then it was perhaps up to me to show that I still had the right to be kept frankly au courant.

(Note: Gauguin was considering returning to Paris around mid-December 1888, but changed his mind and decided to stay.)

Whatever the case, I hope we like each other enough to be able to begin again if need be, if penury, alas ever-present for us artists without capital, should necessitate such a measure. You talk to me in your letter about a canvas of mine, the sunflowers with a yellow background — to say that it would give you some pleasure to receive it. I don’t think that you’ve made a bad choice – if Jeannin has the peony, Quost the hollyhock, I indeed, before others, have taken the sunflower.

I think that I’ll begin by returning what belongs to you, making it plain that it’s my intention, after what has happened, to contest categorically your right to the canvas in question. But as I commend your intelligence in the choice of that canvas I’ll make an effort to paint two of them, exactly the same. In which case it might be done once and for all and thus settled amicably, so that you could have your own all the same.

Today I made a fresh start on the canvas I had painted of Mrs Roulin, the one which had remained in a vague state as regards the hands because of my accident. As an arrangement of colors: the reds moving through to pure oranges, intensifying even more in the flesh tones up to the chromes, passing into the pinks and marrying with the olive and Veronese greens. As an Impressionist arrangement of colors, I’ve never devised anything better. And I believe that if one placed this canvas just as it is in a boat, even one of Icelandic fishermen, there would be some who would feel the lullaby in it.

(Note: van Gogh’s idea of hanging his painting of the Berceuse in a fishing boat was prompted by what Pierre Loti writes in Pêcheur d’Islande (1886) about the custom of fishermen to hang the image of a saint in the saloon: ‘Against a panel at the far end, a Blessed Virgin in ceramic was set on a little shelf, in a place of honor. She was a little antique, these sailors’ patron saint, and painted in a naïve style. But ceramic figures last much longer than real men; and her red and blue robe still had the effect of a very fresh little thing in the midst of all the dark greys of this poor wooden house. She must have listened to many an ardent prayer at moments of great anxiety; two bunches of artificial flowers and a rosary had been nailed at her feet.’ (Contre un panneau du fond, une sainte Vierge en faïence était fixée sur une planchette, à une place d’honneur. Elle était un peu ancienne, la patronne de ces marins, et peint avec un art naïf. Mais les personnages en faïence se conservent beaucoup plus longtemps que les vrais hommes; aussi sa robe rouge et bleue faisait encore l’effet d’une petite chose très fraîche au milieu de tous les gris sombres de cette pauvre maison de bois. Elle avait dû écouter plus d’une ardente prière à des heures d’angoisses; on avait cloué à ses pieds deux bouquets de fleurs artificielles et un chapelet).

(Note: At the end of Loti’s novel, the maternal instincts of the sea are evoked. The sea is compared to a woman rocking a child, when the protagonist, Yann Gaos, drowns and ‘weds’ the sea: ‘Out there, one August night, off the dark mass of Iceland, in the midst of a great sound and fury, his marriage to the sea had been celebrated. To the sea that once had been his nurse; it was she who had rocked his cradle, who had made of him a tall, strong youth – and then she had taken him back, in the glory of his manhood, for herself alone’ (Une nuit d’août, là-bas, au large de la sombre Islande, au milieu d’un grand bruit de fureur, avaient été célébrées ses noces avec la mer. Avec la mer qui autrefois avait été sa nourrice; c’était elle qui l’avait bercé, qui l’avait fait adolescent large et fort, – et ensuite elle l’avait repris, dans sa virilité superbe, pour elle seule).

(Note: van Gogh wrote to Theo that he had had ‘intimate conversations’ with Gauguin about the fishermen of Iceland. Gauguin knew Loti’s book and presumably also knew of the shipwreck of a Breton fishing boat in 1887, which made it a subject of current interest. Two of the zincographs from his ‘Suite Volpini’, on which he was working in January 1889 were based on Pêcheur d’Islande; he gave them the title Tragedies of the sea – Brittany. ‘Gauguin, van Gogh and the fishermen of Iceland’)

Ah! my dear friend, to make of painting what the music of Berlioz and Wagner has been before us... a consolatory art for distressed hearts! There are as yet only a few who feel it as you and I do!!!

(Note: The fact that van Gogh mentions Berlioz and Wagner in the same sentence could be connected with the book he had read about Wagner which included an article by Wagner on Berlioz. The article ‘L’Amour dans la musique’ (Love in music), which van Gogh talks about in another letter also mentions Berlioz a number of times.)

My brother understands you well, and when he tells me that you’re a kind of unfortunate like me, then that indeed proves that he understands us.
I’ll send you your things, but at times weakness overcomes me again, and then I can’t even make the gesture of sending you back your things. I’ll pluck up the courage in a few days. And the ‘fencing masks and gloves’ (make the very least possible use of less childish engines of war), those terrible engines of war will wait until then. I now write to you very calmly, but I haven’t yet been able to pack up all the rest.

In my mental or nervous fever or madness, I don’t know quite what to say or how to name it, my thoughts sailed over many seas. I even dreamed of the Dutch ghost ship and the Horla, and it seems that I sang then, I who can’t sing on other occasions, to be precise an old wet-nurse’s song while thinking of what the cradle-rocker sang as she rocked the sailors and whom I had sought in an arrangement of colors before falling ill. Not knowing the music of Berlioz. A heartfelt handshake.

(Note: One of the legends about phantom ships is that of the seventeenth-century ship The Flying Dutchman, which drifts across the oceans against the wind, its blood-red sails raised. The legend occurs frequently in Dutch literature, and was also known through Wagner’s opera Der fliegende Holländer (The Flying Dutchman) (1843.)

(Note: The ‘Horla’ – which van Gogh also mentions in another letter – is derived from the fanciful story of ‘Le Horla’ by Guy de Maupassant, which had appeared two years earlier and had supposedly been written under the influence of ether. The story, with its overtones of the occult, is about a man who is convinced that an invisible figure (the Horla) accompanies him everywhere and influences his actions. He becomes more and more paranoid, and all attempts to rid himself of his enemy fail. The story ends with his realization that only death will release him from the Horla.)

(Note: We assume that the sketch in the space left open after l. 113, a fish with the word ‘ictus’ inside it, was not made by van Gogh but by Gauguin. The same symbol with the word (written, or rather ‘drawn’, in similar fashion) occurs in Gauguin’s watercolor Ictus of 1889. His Carnet also contains two mentions of ‘ictus.'
Ichthus (Greek for fish) is a well-known symbol of Christ, but there may be an intentional double meaning, prompted by van Gogh’s account of his mental confusion (van Gogh spoke of his ‘mental or nervous fever or madness’, in another letter.) Ictus’ is a ‘sudden manifestation of a morbid condition affecting the nervous system: amnesiac, epileptic ictus’ (manifestation brutale d’un état morbide affectant le système nerveux: ictus amnésique, épileptique) (TLF). This may well have been a conscious play on the words ‘ictus’ (the illness) and ‘ichthus’ (fish/Christ) on Gauguin’s part.)

Ever yours,
Vincent

It will please me greatly if you write to me again before long. Have you read Tartarin in full by now? The imagination of the south creates pals, doesn’t it, and between us we always have friendship.

Have you yet read and re-read Uncle Tom’s cabin by Beecher Stowe? It’s perhaps not very well written in the literary sense. Have you read Germinie Lacerteux yet?


Love ya Preziosi! Later! me.
_________________
Patricia.

"Hell is empty and all the devils are here."
―William Shakespeare
Top
Profilo Invia messaggio privato
Beate-1969



Registrato: 16/04/12 20:20
Messaggi: 2735
Residenza: Deggendorf/Deutschland

MessaggioInviato: Lun Set 25, 2017 14:00    Oggetto: Rispondi citando


Dear Patrizia!

Nobody bothered and insulted you!

You must have misunderstood!

In this forum everyone is welcomed with joy and cordiality!

We respect everyone !!!

I wish you a wonderful day!

A strong and loving embrace from Germany!

Kisses

Bea
_________________
Mi dispiace per il mio cattivo italiano






Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 05, 2017 16:47    Oggetto: PREZIOSI recita nel film tv FIGLI regia di GIACOMO CAMPIOTTI Rispondi citando




    Alessandro Preziosi sarà tra gli interpreti di FIGLI

    regia di Giacomo Campiotti film tv prod. Bibi Film

    e RaiFiction con sostegno Apulia Film Commission


    service Oz Film, dal protocollo "Liberi di scegliere"



ha scritto:




(ANSA) - Sono cominciate questa mattina in alcuni uffici del Palazzo della Città Metropolitana di Bari, le riprese del FILM "FIGLI", per la regia di Giacomo Campiotti regista di Braccialetti Rossi interpretato, tra gli altri, da Alessandro Preziosi. Il film tv è prodotto da Bibi Film Tv e Rai Fiction con il sostegno di Apulia Film Commission. La pellicola è tratta da quelle storie prodotte dal protocollo LIBERI DI SCEGLIERE, che da anni ha cercato di ridare nuova vita e dignità a quei ragazzi che hanno deciso di allontanarsi dalle cosche mafiose e dalla 'ndrangheta. Le riprese iniziate il 16 ottobre scorso in diverse location a Bari, si snoderanno in alcuni uffici della Città Metropolitana fino al primo novembre. In occasione del primo ciak il sindaco metropolitano, Antonio Decaro e la consigliera delegata ai Beni culturali, Francesca Pietroforte, hanno incontrato e portato il saluto della città al regista, alla produzione e a tutto il cast artistico e tecnico.



RIPRODUZIONE RISERVATA - BARI - 30/10/2017 - pubblicato via ANSA.IT, Puglia






_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 05, 2017 18:15    Oggetto: PREZIOSI recita nel film tv FIGLI regia di GIACOMO CAMPIOTTI Rispondi citando





http://video.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari-set-film-figli-alessandro-preziosi/4a89fc62-bd71-11e7-85d0-0606a5421108


ha scritto:






        Bari, Palazzo di Città le riprese

        del film con Alessandro Preziosi

        Figli regia di Giacomo Campiotti


Corriere del Mezzogiorno ediz. Bari - 31/10/2017 - prima pagina





_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 05, 2017 18:18    Oggetto: PREZIOSI recita nel film tv FIGLI regia di GIACOMO CAMPIOTTI Rispondi citando





ha scritto:




CAMPIOTTI: «Con FIGLI racconto un altro Sud»



BARI - «Ormai si parla moltissimo di Sud in tantissimi film già fatti e che si stanno facendo. Ma come penso un po' ne soffriate qui, ci sono sempre tantissimi luoghi comuni e sempre le stesse storie. Spero che la mia abbia un punto di vista abbastanza originale, che è quello di un ragazzo, e della possibilità di riscatto che nasce e si sviluppa tutto nel Sud, dove c'è anche una parte molto forte, e mi sembra sempre crescente, che sta cercando di spostare il timone da un’altra parte». Lo ha detto il regista Giacomo Campiotti parlando con i giornalisti che oggi a Bari ha incontrato sul set di «FIGLI» .
«Il film - ha sottolineato il regista - parla decisamente del Sud, penso e spero con una certa originalità, cioè con un punto di vista nuovo». «E' una storia di impegno civile e di riscatto - ha spiegato - sul coraggio e la possibilità di cambiare la propria vita: la storia di un ragazzo che deve scegliere la propria strada anche se la sua famiglia lo sovrasta». Quindi, ha concluso, è anche la storia di un Sud dove «ce la si può assolutamente fare se si ha la volontà, perché le capacità ci sono».

«FIGLI» nel 2018 andrà in onda su Rai1, il film è stato prodotto dalla Bibi Film Tv e Rai Fiction con il sostegno logistico di Apulia Film Commission.
Protagonisti di «FIGLI» di Giacomo Campiotti: Alessandro Preziosi e Nicole Grimaudo, Federica De Cola, Carmine Bruschini, protagonista della serie tv «Braccialetti rossi», e Francesco Colella, che torna in Puglia dopo aver girato «La vita ti arriva addosso» di Paolo Sassanelli. Il film è tratto da quelle storie prodotte dal protocollo «Liberi di scegliere», che da anni ha cercato di ridare nuova vita e dignità a quei ragazzi che hanno deciso di allontanarsi dalle cosche mafiose e della 'ndrangheta. «FIGLI» ha il sostegno logistico di Apulia Film Commission, e sono coinvolte 46 unità lavorative pugliesi (tra cast artistico e troupe) e il service OZ Film di Francesco Lopez. Le riprese del film tv (prodotto da Bibi Film di Angelo Barbagallo e Rai Fiction) poi proseguiranno una settimana in Calabria e una in Sicilia.

Al contrario il regista spara a zero contro le ultime fiction che fanno dei criminali un modello per i ragazzi. «Personalmente sono contrarissimo, non come regista ma come uomo e come padre, alla rappresentazione dei criminali che poi spesso diventano dei modelli per i ragazzi», perché in maniera «pericolosa» e «irresponsabile» vengono rappresentati «molto fighi e spregiudicati», ma «viene raccontata poco la miseria umana che c'è dietro: la povertà umana e spirituale profonda, e l'infelicità che queste persone vivono».

Il regista, al quale è stato chiesto come mai ci sia una grande attenzione del pubblico per fiction che si concentrano sulla criminalità, come ad esempio Gomorra, ha evidenziato che «la televisione italiana» sta «seguendo il modello americano» e quindi «cerca dei film violenti, forti». «E quindi, banalmente - ha aggiunto - se vuoi ambientarli in Italia, e pensi a situazioni dove sia possibile avere scene action, con sparatorie e omicidi, vai a cadere su quello che è la camorra, la mafia». «Ma l’esigenza di spettacolarizzare - sottolinea - secondo me tradisce anche il senso della storia». «Non basta - ha concluso - parlare di impegno sociale e raccontare temi importanti, perché quello che conta è come li tratti».




16 e 20 ottobre 2017 - pubblicato via: laGazzettadelMezzogiorno.it





_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 05, 2017 19:46    Oggetto: PREZIOSI recita nel film tv FIGLI regia di GIACOMO CAMPIOTTI Rispondi citando



http://video.repubblica.it/edizione/bari/cinema-il-regista-di-braccialetti-rossi-sul-set-a-bari-per-il-nuovo-film-storia-di-riscatto/287652/288267





ha scritto:



"FIGLI" - COSÌ LA TV RACCONTA I CASI DI CRONACA


Torna in Puglia Giacomo Campiotti, il regista di Braccialetti rossi con il suo nuovo film per la tv. S'intitola "FIGLI" e trae ispirazione dalle storie vere suscitate dal protocollo "Liberi di scegliere", che sostiene il nuovo corso della giovane vita di quanti decidono di allontanarsi dalle cosche mafiose e della ‘ndrangheta. Prodotto da Bibi Film e da Rai Fiction con il sostegno logistico di Afc, è interpretato da Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Federica De Cola, Carmine Bruschini e Francesco Colella. Si gira a Bari per quattro settimane.
- articolo di Antonella Gaeta, 17/10/2017




BARI - Primi ciak a Madonnella per il FILM di CAMPIOTTI


Nel Palazzo della Città metropolitana di Bari sono iniziate le riprese del film "FIGLI", per la regia di Giacomo Campiotti, interpretato da Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Federica De Cola, Carmine Bruschini e Francesco Colella. Il film tv, che andrà in onda in prima serata su Rai Uno, è prodotto dalla società cinematografica Bibi film tv e Rai Fiction con il sostegno di Apulia Film Commission. - 31/10/2017



I palazzi istituzionali aprono le porte ai set cinematografici


Potere di trasfigurazione del cinema e tre luoghi istituzionali si trasformano in set per produzioni che girano a Bari. L'ex Palazzo della Provincia accoglie fino a domani il film per la televisione "FIGLI", diretto da Giacomo Campiotti, già regista di Braccialetti rossi. Per l'occasione è diventato il tribunale minorile di Reggio Calabria. Il film si ispira al protocollo "Liberi di scegliere", dedicato ai giovani che si allontanano da cosche mafiose rifondando la loro vita. È interpretato, tra gli altri da Alessandro Preziosi, come dimostra anche una fotografia con il sindaco metropolitano Antonio Decaro. Le produzioni contano sul sostegno di Apulia Film Commission. (a.g.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA - 01/11/17



LA REPUBBLICA - edizioni: Nazionale e Bari - Repubblica.it





_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2017 19:48    Oggetto: FIGLI film tv di Giacomo Campiotti - con PREZIOSI e GRIMAUDO Rispondi citando



ha scritto:





    Campiotti e i “FIGLI” del Sud in cerca di riscatto


Incontro con il regista sul set barese - di Vincenzo Chiumarulo, 21/10/17



Il riscatto dei giovani di un Sud diverso, fuori dai luoghi comuni, dove si può cambiare col coraggio di seguire la propria strada nonostante il destino sembri segnato dall'appartenenza alla propria famiglia: è questo che racconta il regista Matteo Campiotti in “FIGLI” , il film che andrà in onda su Rai1 nel 2018 e di cui sono in corso le riprese a Bari prima di spostarsi in Calabria e poi in Sicilia. Campiotti torna in Puglia dopo l'esperienza triennale con “Braccialetti rossi” di cui ha portato con sé in questo film uno dei protagonisti, Carmine Bruschini: "Non avevamo pensato a lui - spiega il regista - e avevamo fatto uno street cast, invece poi abbiamo capito che la persona giusta era a portata di mano". Campiotti ha incontrato i giornalisti sul set, in quella che nel film sarà “L'isola del sole”, una casa accoglienza per giovani difficili. "Non posso dire molto", avverte subito il regista sottolineando però che si tratta di "una storia di impegno civile, sul coraggio di un ragazzo che esercita a fatica la libertà di cambiare la propria vita anche se la sua famiglia lo sovrasta". Nel cast, che girerà anche nel carcere di Bari, ci sono Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Federica De Cola e Francesco Colella, oltre ai giovani attori non professionisti. La storia si svolge dunque in quel Sud che il regista vuole raccontare senza i "soliti tantissimi luoghi comuni", puntando la macchina da presa sulla "possibilità di riscatto che nasce e si sviluppa qui, dove c'è una parte sempre più forte che sta cercando di spostare il timone, e dove ci sono tante capacità". Intanto, però, sono le serie come Gomorra, le fiction dove la violenza e il crimine sono i protagonisti quelle che attirano più spettatori. Ma per Campiotti, che in questo caso parla da "padre", è "pericoloso e irresponsabile" rendere i "criminali dei modelli", rappresentandoli "fighi e spregiudicati", senza "raccontarne la miseria umana e la loro infelicità profonda". La "televisione italiana", rileva il regista, "sta seguendo il modello americano, cercando film violenti e forti", e "quindi banalmente se vuoi ambientarli in Italia, e pensi a situazioni dove sia possibile avere scene di action, con sparatorie e omicidi, vai a cadere su quello che è la camorra o la mafia". Il film è prodotto da Bibi Film e Rai Fiction, con il sostegno di Apulia Film Commission.



Epolis BARI giornale indipendente gratuito - pag. 22, 21/10 e pag. 14-15 31/10/17







anticipazioni e foto, interviste e rassegna stampa selezionata da


Alessandro Preziosi official Forum Benvenuti con noi!



_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2017 20:39    Oggetto: FIGLI regia di GIACOMO CAMPIOTTI; Bibi Film Tv e Rai Fiction Rispondi citando




    Alessandro Preziosi sarà tra gli interpreti di FIGLI

    regia di Giacomo Campiotti film tv prod. Bibi Film

    e RaiFiction con sostegno Apulia Film Commission


    service Oz Film, dal protocollo "Liberi di scegliere"















    foto: Città Metropolitana di BARI - Francesca Pietroforte, consigliera delegata ai Beni culturali


    in attesa di un topic dedicato a questo film tv, per rassegna stampa

    per commenti a cinema e tv invito qui:
    Ciao a tutti di Alessandro


Benvenute! siete in Alessandro Preziosi official Forum



_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Mar Nov 14, 2017 20:01    Oggetto: Calabria - Aspromonte - GIACOMO CAMPIOTTI gira film tv FIGLI Rispondi citando



ha scritto:






CIAK SI GIRA – A Santa Cristina d’Aspromonte attori

impegnati in “FIGLI” - FICTION di RAI UNO - Il cuore

dell’ASPROMONTE torna set - Per la regia di Giacomo

Campiotti
, con Alessandro Preziosi e Nicole Grimaudo






L’Aspromonte torna ad essere un set cinematografico per un importante fiction Rai 1.
La piccola città di Santa Cristina d’Aspromonte ospita da ieri, le riprese di “Figli” per la regia di Giacomo Campiotti, con protagonisti Alessandro Preziosi e Nicole Grimaudo unitamente a Federica De Cola, Carmine Bruschini e Francesco Colella.
Il film è tratto da storie vere prodotte dal protocollo “Liberi di scegliere”, che da anni dà la possibilità a tanti ragazzi, che hanno deciso di allontanarsi dalle cosche mafiose e dalla ‘ndrangheta. Una scelta che, spesso, significa anche abbandonare le proprie famiglie di origine, i loro paesi e tutto quell’ambiente che non gli avrebbe prospettato alcun futuro.
Prodotto dalla Bibi Film di Angelo Barbagallo e Rai Fiction con il sostegno di Apulia Film Commission.
Le riprese sono iniziate nel mese di ottobre a Bari, proseguiranno per una settimana in Calabria prima, poi la troupe si sposterà in Sicilia.
Sono stata reperite tutte le ambientazioni e le location ideali per corrispondere alle esigenze legate alla trama della fiction. La troupe televisiva ha girato ieri ed oggi a Lubrichi, frazione di Santa Cristina; nei prossimi giorni la macchina da presa si sposterà in montagna nel triangolo tra Santa Cristina-Scido e Delianuova dove saranno coinvolti oltre cento persone del luogo che sono stata reclutate dopo un casting svoltosi al Comune di Scido.
L’Amministrazione Comunale ha dato qualsiasi forma di collaborazione fornendo supporto logistico e curando tutti i dettagli per la predisposizione delle ambientazioni per il set cinematografico.
A fare gli onori di casa è stato il Sindaco facente funzioni della città, Salvatore Papalia, il quale ha voluto ringraziare la Bibi Film e Rai Fiction per la scelta di Santa Cristina e dell’Aspromonte come set per le riprese della fiction e portato il saluto della città al regista, Giacomo Campiotti, all’attore Alessandro Preziosi, alla produzione e a tutto il cast artistico e tecnico.
Ha ricordato le grandi potenzialità del territorio pianigiano e dell’Aspromonte che con le sue montagne e i grandi uliveti della zona ben si prestano a fornire un set naturale. La troupe concluderà le sue riprese in Sicilia. La fiction costituirà uno degli eventi di punta della prossima stagione autunnale Rai.


di Giuseppe Salvadore

Il QUOTIDIANO del SUD edizione Calabria - Reggio 11/11/17 pag.16






_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Mar Nov 14, 2017 20:25    Oggetto: Calabria - Reggio C. - GIACOMO CAMPIOTTI gira film tv FIGLI Rispondi citando



ha scritto:




RAI - al via le riprese per la fiction sui FIGLI

di 'ndrangheta - alcune scene saranno girate

a Reggio Calabria, nel cast Alessandro Preziosi








Alessandro Preziosi a Reggio Calabria. Il celebre attore italiano sta girando in questi giorni FIGLI, film tv che andrà in onda sulla Rai, diretto da Giacomo Campiotti e e prodotto da Bibi Film di Angelo Barbagallo e Rai Fiction. Questa mattina, è il Lungomare Falcomatà la location scelta per alcune scene.
Le riprese sono iniziate un mese fa in Puglia, e dopo la Calabria la produzione si sposterà in Sicilia. Protagonisti di FIGLI, oltre a Preziosi, anche Nicole Grimaudo, Federica De Cola, Carmine Bruschini, protagonista della serie tv «Braccialetti rossi», e Francesco Colella. Il film è tratto da quelle storie prodotte dal protocollo «Liberi di scegliere», che da anni ha cercato di ridare nuova vita e dignità a quei ragazzi che hanno deciso di allontanarsi dalle cosche mafiose e della ‘ndrangheta.



Redazione web, 13/11/2017; pubblicato via L'avvenire di Calabria .it






    in attesa di un topic dedicato a questo film tv, per rassegna stampa

    per commenti a cinema e tv invito qui:
    Ciao a tutti di Alessandro


Benvenuti! siete in Alessandro Preziosi official Forum



_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33380

MessaggioInviato: Mar Nov 14, 2017 20:27    Oggetto: RAI MOVIE 14/11/17 21:10 MINE VAGANTI film di Ferzan OZPETEK Rispondi citando





martedì 14 novembre 2017 RAI MOVIE 21:10 can.24

Alessandro Preziosi in MINE VAGANTI film di Ozpetek









"Mine vaganti" è uno dei migliori film di Ferzan Ozpetek con Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Ennio Fantastichini. La famiglia Cantone è proprietaria di uno dei più importanti pastifici del Salento. La nonna aprì l'azienda assieme al cognato, di cui è stata segretamente innamorata per tutta la vita, e ora quegli impulsi sopiti ricadono sulle abitudini di una famiglia schiava del perbenismo alto-borghese. Il rientro a casa del rampollo più giovane Tommaso, trasferitosi a Roma per studiare economia e commercio, è il momento per la famiglia di sancire ufficialmente il passaggio della gestione aziendale ai due figli maschi. Tommaso è pronto a sconvolgere i piani del pater familias dichiarando apertamente la propria omosessualità e il desiderio di seguire aspirazioni letterarie, ma durante la cena ufficiale per festeggiare il nuovo corso aziendale, viene anticipato dal fratello maggiore Antonio (Preziosi) che, dopo tanti anni di fedele servizio agli affari di famiglia, si dichiara omosessuale prima di lui e viene per questo espulso dalla casa e dalla direzione dell'azienda.



_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 56, 57, 58  Successivo
Pagina 57 di 58

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati